Sciopero 16 novembre manifestazione studenti: cortei e città

Giulia.Onofri
Di Giulia.Onofri

Gli studenti delle superiori e dell’Università uniranno la propria voce, a distanza di poco più di un mese, per gridare la medesima disapprovazione contro i tagli nel settore dell’istruzione e contro tutte quelle situazioni scolastiche con cui ogni giorno devono scontrarsi e che non sono certo una novità, essendo questo il risultato di anni di malgoverno delle legislazioni precedenti. Il 16 novembre Uds, Link e Rete della Conoscenza, Rete Studenti Medi e UDU, oltre a tante altre associazioni e collettivi studenteschi, chiamano in piazza tutti gli studenti delle scuole d'Italia.

Motivi sciopero e manifestazione 16 novembre 2018

  • Le diseguaglianze e l'alternanza scuola lavoro
  • Gli organizzatori si scagliano contro le disuguaglianze sociali che non permettono un’equa formazione scolastica a coloro che provengono da condizioni economiche di svantaggio, come i giovani migranti, le minoranze e le famiglie che non possono permettersi di sostenere le spese e le tasse scolastiche universitarie.
    Secondo questo pensiero, se a chi è svantaggiato economicamente viene sbarrata la strada per l’accesso alla formazione universitaria, non potrà mai trovare un riscatto nello studio ed elevare la propria posizione sociale mediante una buona o anche prestigiosa occupazione che gli consenta di vivere non solo lontano dalla criminalità e dalla malavita, ma anche con l’orgoglio di chi ce l’ha fatta a realizzarsi soltanto con le proprie forze.
    Ma gli studenti protestano anche contro l’alternanza scuola-lavoro e le differenze tra i diversi indirizzi scolastici: ‘Nei tecnici e professionali è previsto un monte ore obbligatorio più elevato rispetto ai licei: esiste quindi, più forte di prima, una classifica tra sapere manuale e sapere teorico. Non è solo una questione di classificazione delle materie didattiche, già di per sé inammissibile, ma una sedimentata idea di società disuguale’.
  • Legge di bilancio
  • Gli studenti si sono pronunciati a sfavore delle norme contenute in legge di bilancio per quanto riguarda l'istruzione.
    Secondo Enrico Gulluni, coordinatore nazionale dell’Unione degli Universitari, il testo della legge di bilancio conferma l'assenza investimento su istruzione e formazione universitaria.
    Giammarco Manfreda, coordinatore nazionale della Rete degli Studenti Medi, rincara la dos denunciando l'assenza di agevolazioni per il diritto allo studio e di un piano strutturale per l’edilizia scolastica. Anche il taglio dei fondi per i percorsi di alternanza viene considerata una manovra cieca che non punta a incrementare la qualità degli stessi.
  • Edilizia scolastica e investimenti
  • Edilizia scolastica insufficiente a garantire un’adeguata sicurezza, tagli agli investimenti nell’istruzione: questi sono quindi gli altri grandi temi su cui verte la protesta studentesca. Giammarco Manfreda, Coordinatore Nazionale della Rete degli Studenti Medi, dichiara: “Chiediamo che questo Governo metta giù la maschera sui fondi in istruzione. Non è accettabile che si promettano investimenti per fare propaganda, ma che allo stesso tempo il Ministro dell’Istruzione dica che “bisogna scaldarsi con la legna che si ha”, e che pochi giorni dopo saltino fuori 29 milioni di euro di tagli: 14 sulla scuola, 15 sull’università.
    Saremo in piazza anche perché cambiare il nome e ridurre le ore di alternanza non risolverà il problema dello sfruttamento! E i 56 milioni “risparmiati” col taglio delle ore, dove finiranno? Diciamo basta alla propaganda sulla pelle degli studenti!
  • Numero chiuso universitario
  • Il Governo per mesi ha annunciato l’abolizione del numero chiuso alle Università. Mai un parere degli studenti, mai una proposta concreta, mai un confronto con il CNSU. Per superare l’attuale metodo di accesso servono investimenti, che partano dall’orientamento alle scuole superiori fino alle borse di specializzazione medica, e soprattutto serve un confronto vero con gli studenti!” Afferma Enrico Gulluni, Coordinatore Nazionale dell’Unione degli Universitari.
  • Scuole Sicure
  • Rete e Udu chiedono anche chiarimenti dal Governo sul tema della sicurezza, in particolare per la manovra “Scuole Sicure”. Le organizzazioni studentesche sono contro l’installazione delle telecamere e i cani antidroga fuori dalle scuole.

Manifestazione sciopero 16 novembre 2018, tutti i cortei e gli appuntamenti

Nelle principali città di tutta Italia si svolgeranno cortei di protesta dalla mattina. Per chi volesse prenderne parte riportiamo gli orari e le città dove sono previsti, precisando che ogni informazione riportata potrà subire variazioni consultabili sulle pagine Facebook o Instagram dell’evento, cliccate sul link per andare diretta all'evento Facebook dedicato:
  • Milano: Largo Cairoli, ore 9
  • Como
  • Varese
  • Bergamo
  • Vimercate
  • Torino: Attivazione nelle scuole
  • Trieste
  • La Spezia: Presidio in città
  • Cagliari
  • Lucca: Corteo studentesco
  • Bologna
  • Roma
  • Campobasso: Corteo studentesco
  • Bojano
  • Termoli: Corteo studentesco
  • L'Aquila: Assemblea pubblica
  • Pescara: Assemblea pubblica
  • Sulmona: Bus per corteo studentesco di Roma
  • Salerno
  • Torre del greco
  • Caserta
  • Napoli
  • Bari
  • Brindisi
  • Taranto
  • Lecce
  • Foggia
  • Crotone
  • Vibo valentia: Corteo studentesco, ore 8.30, in Via XXV Aprile
  • Agrigento
  • Caltagirone: Corteo studentesco
  • Messina
  • Vittoria: Mobilitazione studentesca

  • Skuola | TV
    Il Vicepremier Matteo Salvini risponde agli studenti - #MeetMillennials

    Con il Vicepremier e Ministro dell'Interno parleremo di attualità, scuola e molto altro. Curioso di scoprire cosa dirà? Non perdere la puntata!

    17 dicembre 2018 ore 15:00

    Segui la diretta