Ominide 11270 punti

Le origini della musica e il suo sviluppo nelle antiche civiltà


Le origini della musica si perdono nel tempo. L’uomo primitivo, accanto al linguaggio articolato (parola), usò il linguaggio modulato (canto) con lo scopo di esprimere i propri sentimenti ed anche per imitare suoni che egli sentiva nella natura che lo circondava, particolarmente il canto degli uccelli. Alle melodie da lui create l’uomo aggiunse un ritmo ben definito; ritmo che non è un prodotto della civiltà o dell’intelligenza ma è innato e vivo nell’uomo come tale. Questi canti ebbero come scopo la preghiera ad una divinità, qualunque essa fosse; mentre quindi la parola serviva per il linguaggio comune, il canto serviva per le cerimonie sacre o esaltazioni mistiche il più delle volte unito alla danza. Anche presso i primi popoli storici, come i Cinesi, gli Indiani, gli Egiziani, gli Ebrei, lo scopo della musica fu essenzialmente religioso e la figura del musicista era strettamente legata a quella del sacerdote. Questi popoli conobbero teorie e sistemi musicali di notevole ampiezza e vastità: il saggio cinese Ling – Liù nel 1500 avanti Cristo introdusse una scala musicale di 12 suoni simile alla nostra scala cromatica. Di altri popoli restano quasi uniche vestigia musicali le sculture e i bassorilievi dei templi che raffigurano cori e strumenti con vari tipi di arpe, flauti, trombe ed altri strumenti primitivi. La Bibbia ci parla della musica degli Ebrai che si praticava nel tempio ed era tenuta in grandissima considerazione per la sua forza mistica e religiosa. Presso tutti i popoli la musica era ritenuta dono del Dio o degli Dei e numerose sono le leggende mitologiche che parlano del potere sovrumano della musica. Presso i Greci lo studio della musica era considerato fondamentale per l’educazione dei giovani, ed era strettamente legato allo studio della poesia ed anche della danza; lo strumento nazionale era la lira detta lira di Apollo cioè del dio protettore di tutte le Arti. Omero, il creatore dell’Illiade e dell’Odissea era un aedo, un musico-poeta che accompagnandosi con la lira cantava le rime da lui composte. I più grandi poeti greci: Alceo, Saffo, Anacreonte, Pindaro e Simonide furono anche musicisti in quanto le loro poesie venivano cantate non recitate come si potrebbe oggi pensare.
Hai bisogno di aiuto in Scienze per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove