VIP 2446 punti

LA MEMORIA IMMUNITARIA

Uno degli aspetti più stupefacenti del sistema immunitario è,che una volta che è venuto in contatto con un certo antigene,l’organismo ne conserva la memoria e quindi risponde a una successiva introduzione, in modo ancora più efficace.
È quello che accade in molte malattie come la tubercolosi o in alcune malattie infantili come scarlattina o pertosse,che non si possono contrarre due volte. Quando un soggetto incontra per la prima volta un microrganismo,deve trascorrere un certo periodo prima che il corpo produca gli anticorpi e scateni la risposta immunitaria. In questo periodo il microrganismo può riprodursi indisturbato e si scatena la malattia.
Ma l’organismo può memorizzare le caratteristiche dell’antigene incontrato in alcuni linfociti, detti linfociti della memoria.
Perciò a ogni successivo incontro,il sistema dei linfociti non deve più perdere tempo a preparare gli anticorpi ed è in grado di produrli immediatamente in grande quantità.

La capacità dei linfociti della memoria di memorizzare le caratteristiche di un antigene viene sfruttata nella pratica della vaccinazione, uno dei metodi più efficaci per prevenire le malattie.
Questa pratica consiste essenzialmente nel produrre intenzionalmente in una persona sana una forma molto lieve di malattia, per impedire che successivamente essa venga contratta in forma grave. Con la vaccinazione,infatti,si introducono artificialmente dei preparati, i vaccini, formati da microbi uccisi o attenuati, che hanno perso in gran pare la loro capacità di produrre la malattia,ma non la proprietà antigenica,cioè la capacità di introdurre la formazione degli anticorpi. Il ricordo dell’antigene introdotto con la vaccinazione viene conservato nei linfociti della memoria,così che a un secondo ingresso del microrganismo,questa volta attivo,l’organismo reagisce prontamente,scatenando una forte reazione immunitaria,che impedisce alla malattia di svilupparsi.

Hai bisogno di aiuto in Scienze per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email