Ominide 8039 punti

Il cammello


E' un ruminante perfettamente adatto a vivere nelle regioni desertiche. Il cammello ella Battriana ha due gobbe, è alto circa due metri, abita nelle zone montuose e nei deserti freddi dell'Asia centrale (deserto del Gobi).
Il cammello dromedario, invece, ha una sola gobba, è più alto, viene usato come animale da soma e da cavalcatura nei deserti caldi del Medio Oriente e dell'Africa del Nord.
Durante i periodi favorevoli, il cammello accumula gran quantità di grasso nelle sue gobbe che diventano turgide e voluminose. Questa riserva nutritiva gli consente di superare lunghi periodi di scarsa alimentazione o addirittura di digiuno. Infatti, durante i viaggi faticosi e quando scarseggia il foraggio, le gobbe diventano piccole e tendono a scomparire.
Il cammello inoltre può resistere per un tempo considerevole alla sete. E' questo un grande vantaggio per un animale obbligato a vivere in regioni aride e desertiche. Il suo stomaco, pur avendo la struttura caratteristica dei ruminanti, possiede numerose celle scavate nelle pareti del rumine. Si tratta di circa 800 tasche acquifere, veri serbatoi d'acqua che l'animale consuma a mano a mano che il suo corpo lo richiede. In queste tasche il cammello può immagazzinare 6-7 litri di acqua, riserva che gli permette di resistere 3-4 giorni senza bere.
Per tale motivo il cammello è stato definito <nave del deserto>. Altra particolarità presentano le due dita del piede che sono fornite di unghia larga assai utile all'animale per non affondare nella sabbia. Infine, le narici del cammello possono chiudersi a volontà, per impedire l'entrata della sabbia quando nel deserto soffi il vento.
Alla famiglia del cammello appartengono anche il lama, l'alpaca, la vigogna e il guanaco, animali che abitano le regioni della Cordigliera delle Ande.
Hai bisogno di aiuto in Scienze per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email