Ominide 4878 punti

Il mito di Pigmalione con collegamento all'effetto Pigmalione in psicologia


Secondo il mito greco, Pigmalione, re di Cipro era uno scultore, che non aveva voglia di pensare all'amore, tuttavia, questo suo atteggiamento dispregiativo, indifferente e sfrontato nei confronti dell'amore, provocò la reazione della dea Afrodite che punì Pigmalione facendolo innamorare di una statua da lui stesso creata.
Fu così che Pigmalione si innamorò della sua statua, ma era un impossibile amore a senso unico, che, gli faceva vivere una condizione drammatica e malinconica. Il re supplicò allora la dea dell'amore che, dopo aver sadicamente goduto della sofferenza del re, alla fine, Afrodite ebbe pietà di lui e trasformò la statua in una vera donna.
Dal mito prende il nome un effetto psicologico noto come "mito di Pigmalione" o "profezia che si autoavvera", che è stato dimostrato sperimentalmente in ambito scolastico da Rosenthal e Jacobson. Questo effetto consiste nel fatto che desiderare qualcosa condiziona in modo tale i nostri comportamenti da poter fare in modo che ciò che desideriamo si avveri. Ciò dimostra quanto le aspettative influenzino inconsapevolmente la nostra comunicazione non verbale e il nostro comportamento e, di conseguenza le risposte e i comportamenti degli altri.
Hai bisogno di aiuto in Psicologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità