melaisa di melaisa
Ominide 2160 punti

Guarino Guarini-il modello educativo

Presso la scuola di Guarino Guarini veniva attribuita poca importanza alla matematica, alla musica, al greco; nemmeno all’educazione militare e all’educazione di corte era riservato molto spazio in quanto gli allievi erano in gran parte destinati alla carriera ecclesiastica e all’insegnamento. Guarini era contemporaneamente ricercatore, studioso ed insegnante. Per lui, come per tutti gli umanisti del primo periodo, la cultura antica era tutta da scoprire e da studiare: Omero, Basilio, Plauto, Strabone, retorica, geografia , filosofia morale. Da questa curiosità e volontà di ricerca derivava il metodo d’insegnamento di Guarino nei corsi superiori: egli comunicava, spiegava, discuteva con gli studenti i risultati delle sue ricerche via via che li raggiungeva, valorizzava la personalità degli studenti, forniva loro un metodo di studio. Per i suoi tempo questa era una metodologia didattica molto originale.
La scuola non prevedeva la presenza delle ragazze (accettate in altre scuole-convitto) e, quando di trasformò in Università, ebbe un’organizzazione più rigorosa. Comprendeva tre corsi: elementare, grammaticale e retorico, con programmi e metodi differenziati:
• Corso elementare, s’insegnava a leggere, curando particolarmente la corretta pronuncia, e a scrivere.
• Corso grammaticale, divisa in due sezioni quali metodica (si studiavano la sintassi dei casi, la coniugazione dei verbi, la metrica e i primi elementi di greco) e storica (era dedicata alla lettura dei classici nell’intento di acquisire cognizioni storiche e mitologiche. Non si usavano manuali, ma solo testi in originale; erano letti Ovidio e Stazio)
• Corso di retorica, era dedicato allo studio di Quintiliano e Cicerone.
Accanto all’istruzione era prevista l’educazione fisica: nuoto, caccia, passeggiate in campagna, danza, allo scopo di rafforzare l’organismo, rendere il corpo armonico, interrompere l’applicazione agli studi per riprendere con maggior impegno.
Il suo modello educativo mirava alla formazione di cittadini con saldi principi, capaci di amministrare il bene pubblico in quanto consapevoli del suo valore.
Hai bisogno di aiuto in Pedagogia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email