Verismo e Scapigliatura


Sono due movimenti letterari che, accanto a Naturalismo e Decadentismo, caratterizzarono il periodo del Secondo Ottocento


Verismo

Movimento letterario e artistico italiano che teorizza una rigorosa fedeltà al «vero» della realtà, che descrivere la vita della gente umile, dei reietti dalla società che si affannano nella lotta per la sopravvivenza, contro la fatalità del destino.

Esso nasce dopo l’uscita dell’Assommoir di Zola che viene recensito nel Corriere della Sera, poiché da questo momento Capuana e Verga discutono della necessità di creare anche in Italia un romanzo moderno.

Condivide l’esigenza del naturalismo di rappresentare fedelmente la realtà ma ha delle caratteristiche specifiche: rappresenta il mondo contadino e non quello industriale, mette in secondo piano la componente scientifica, esprime una visione pessimistica del reale.

Esponenti: Luigi Capuana (Giacinta), Giovanni Verga (I Malavoglia, Rosso Malpelo).


Scapigliatura

Movimento artistico e letterario sviluppatosi in Italia con epicentro a Milano; il termine è la traduzione del francese bohème (vita da zingari), che si riferiva alla vita disordinata e anticonformista degli artisti.

Gli scapigliati rappresentano il vero attraverso la scelta di temi e motivi moderni, imbruttiscono il presente e propongono un’esistenza ribelle e dissoluta e tende a coniugare tra loro arti diverse.

Hai bisogno di aiuto in Contesto Storico Letterario 800?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email