Ominide 11266 punti

Lo spazio dal Decadentismo al Surrealismo


Nei primi decenni del XIX secolo, il Decadentismo ha proposto una rappresentazione dello spazio volta a mettere in evidenza i rapporti di carattere simbolico fra l’individuo e l’ambiente, come nel romanzo il piacere di Gabriele d’Annunzio (1863-1938), massimo esponente, in Italia, della corrente dell’Estetismo.

Una concezione dello spazio ancora diversa è quella che troviamo nella Coscienza di Zeno di Italo Svevo (1861-1928), dove i luoghi in cui sono ambientate le vicende del narratore-protagonista, Zeno Cosmi, sono descritti attraverso la lente deformante della sua coscienza.

L’istanza realistica torna in primo piano con la corrente del Neorealismo, che affronta i temi della guerra, della lotta artigiana e delle difficili condizioni di vita nell’Italia del dopoguerra, mettendo in evidenza proprio l’influenza dell’ambiente sull’esistenza degli individui. In questo passo, tratto dal Sentiero dei nidi di ragno di Italo Calvino (1923-1985) la “camera” di Pin viene descritta attraverso la prospettiva del bambino, abituato a spiare la sorella attraverso le fessure del tramezzo.

Sezione I - Guida all’analisi di un testo narrativo


Un’altra importante corrente nel panorama della narrativa novecentesca è costituita dal Surrealismo, dove lo spazio, spesso rappresentato in chiave fantastica, diviene l’espressione visiva dell’inconscio. In questo passo, tratto dal Deserto dei Tartari di Dino Buzzati (1906-1972), il giovane ufficiale Giovanni Drogo descrive il suo arrivo nella fortezza che diventerà per lui una vera e propria “prigione” psicologica.
Hai bisogno di aiuto in Contesto Storico Letterario 800?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove