Habilis 4376 punti

Flaubert - L’impersonalità dell’opera d’arte


Per il concetto di impersonalità dell’opera d’arte, Flaubert costituisce un’ anticipazione della poetica del Naturalismo che sarà sviluppata completamente da Zola.
Flaubert applica il canone dell’impersonalità nel suo romanzo Madame Bovary.
1) Inizia, criticando quelle opere i cui autori ne approfittano per esprimere le proprie opinioni di tipo morale o religioso come La capanna dello zio Tom. Critica anche Balzac per il fatto che nei sui romanzi abbia espresso apertamente le proprie idee e non perché sia favorevole all’ Ancien Régime. Invece, apprezza Shakespeare che ne Il mercante di Venezia non è presente e non espone affatto il suo pensiero riguardo all’usura.
2) Continua affermando che l’autore deve essere come Dio nell’universo che è presente dappertutto, ma non è visibile, non manifesta la sua grandezza e quindi non è mai presente concretamente.
3) Infine, Flaubert fa un’altra considerazione: l’arte è come una seconda natura e l’artista che crea l’opera d’arte deve comportarsi come si è comportato Dio nella creazione del mondo; e come l’uomo si meraviglia e si sente annichilito di fronte al creato, così il lettore deve provare sbalordimento di fronte all’opera artistica.
Tutti e tre questi motivi sostengono la teoria dell’impersonalità dell’ opera d’arte.
In sintesi, Flaubert sostiene che lo scrittore deve “rappresentare e basta” senza fare commenti né politici, né morali e senza esprimere i propri sentimenti. Egli si oppone nettamente agli scrittori romantici per i quali l’opera d’arte era espressione della propria soggettività.

Flaubert affronta anche il problema del ruolo dell’arte e in questo si oppone agli scrittori romantici. Manzoni affermava che l’arte deve avere l’utile come scopo, ma non è così per Flaubert. Lo scopo dell’arte è l’arte stessa e soprattutto non deve avere essere un mezzo per permettere allo scrittore di esprimere i propri sentimenti.
In pratica, l’arte è vista come una realtà autosufficiente, completamente slegata dagli aspetti della realtà, autonoma nei confronti delle opinioni e dei sentimenti dell’autore. Alla fine della lettera, Flaubert definisce l’arte soggettiva come indecorosa e non seria e per esprimere un giudizio su questo tipo di arte utilizza delle similitudini: tubo di scarico delle passioni, vaso da notte, schiuma del cuore.

Hai bisogno di aiuto in Contesto Storico Letterario 800?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove