Ominide 4865 punti

Il Decadentismo è stata una corrente eterogenea che ebbe origine in Francia e si sviluppò in Europa tra gli anni Ottanta dell'Ottocento e il primo decennio del Novecento.
Il termine Decadentismo deriva dal francese “decadent”, con il quale i borghesi definivano in modo dispregiativo i poeti maledetti, i quali incitavano al rifiuto della morale borghese, esprimevano la crisi di valori dell’epoca contemporanea e si ponevano al di fuori della norma sia nella pratica di vita, sia nella produzione letteraria.
Tuttavia il termine fu rivendicato dagli stessi poeti per indicare il loro anticonformismo e la loro estraneità rispetto alla classe borghese.
Gli autori del Decadentismo criticano gli ideali borghesi della produttività e lo spirito del Positivismo: il progresso e l’industrializzazione non hanno portato alla felicità dell’uomo, bensì all’imperialismo e allo sfruttamento delle classi più umili.

Il Decadentismo corrisponde alla fase di decadenza e di crisi di valori che caratterizzò la fine del secolo a cui corrisponde il termine del Positivismo. Infatti, questo periodo fu caratterizzato da una profonda crisi sociale ed economica: l’ottimismo positivista stava decadendo di fronte alla Grande Depressione, una crisi che colpì l’economia mondiale.
Inoltre, il Decadentismo è un’epoca di incertezze di fronte alla consapevolezza che l’uomo non può raggiungere la verità assoluta, poiché non esistono valori universali.
Il Decadentismo è stato anticipato dalla Scapigliatura, dall’Estetismo inglese e dal Simbolismo francese. Tali correnti erano, infatti, accomunate dall’insofferenza per le convenzioni borghesi.

Hai bisogno di aiuto in Contesto Storico Letterario 800?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email