Quale università scegliere per trovare subito lavoro

Andrea Carlino
Di Andrea Carlino
quale università scegliere per il lavoro

Con la maturità agli sgoccioli (è già in corso la prova orale), è tempo di pensare al futuro per tanti studenti. Per capire quali sono le lauree più richieste nel mondo del lavoro e sapere orientativamente cosa aspettarci una volta conquistato il titolo di studio, ci viene in aiuto il rapporto 2019 AlmaLaurea sulla condizione occupazionale, che rappresenta uno strumento di orientamento importante per tanti diplomati che si accingono alla scelta del percorso universitario.


Quale università scegliere per trovare subito lavoro? I vantaggi della laurea

Innanzitutto occorre precisare che i laureati godono di vantaggi occupazionali importanti rispetto ai diplomati di scuola secondaria di secondo grado durante l’arco della vita lavorativa: nel 2018, il tasso di occupazione della fascia d’età 20-64 è pari al 78,7% tra i laureati, rispetto al 65,7% di chi è in possesso di un diploma.

Discipline scientifiche: lauree per trovare subito lavoro

La diffusa convinzione che le lauree “scientifiche” aprano migliori opportunità di lavoro è sempre più confermata dai dati. Tra i laureati magistrali biennali sono soprattutto i laureati di ingegneria, dei gruppi scientifico e chimico-farmaceutico che possono contare sulle più alte retribuzioni: rispettivamente 1.762, 1.675 e 1.595 euro mensili netti. Tra i magistrali a ciclo unico le retribuzioni più elevate sono percepite dai laureati del gruppo medico (2.007 euro).
Fanno più fatica a trovare lavoro hanno fatto invece gli studenti laureati in materie umanistiche (la media occupazionale di chi ha conseguito una laurea in ambito giuridico, letterario, geo-biologico e psicologico è al di sotto dell’80%).

Esperienza all'estero durante la laurea per trovare subito lavoro

Chi ha lavorato durante gli studi e/o trascorso un periodo all’estero pare abbia maggiori possibilità di trovare lavoro dopo la laurea. Infatti le opportunità di impiego, precisa Almalaurea, aumentano rispettivamente del 5% nel caso degli studi all’estero e del 14,3% nel caso degli stage quando queste esperienze vengono svolte dallo studente durante i primi anni di università
Potrebbe Interessarti
×
Skuola | TV
Buone vacanze ragazzi!

La Skuola Tv torna a ottobre. Buone vacanze a tutti gli studenti!

1 ottobre 2019 ore 16:00

Segui la diretta