La classifica dei 110 e lode all'università: i primi della classe studiano Medicina

Marcello G.
Di Marcello G.

classifica facoltà universitarie con i voti di laurea più alti

Si sente spesso dire che diventare medico non sia una passione ma quasi una missione, una vocazione. Sarà per il percorso di studi più lungo e più duro rispetto alle altre professioni oppure per le difficoltà nell’accesso alle facoltà. Sta di fatto che, alla fine dell’università, i futuri camici bianchi sono effettivamente quelli che si dimostrano i più capaci nello studio. Quelli che hanno maggiori soddisfazioni dal voto di laurea. A dircelo sono i dati dell’ultimo Rapporto Almalaurea sul profilo dei laureati (relativo all’anno 2016). Nella facoltà di medicina fioccano le lodi e i baci accademici. Nessun altro corso universitario riesce neanche ad avvicinarsi ai risultati delle professioni sanitarie. Perché anche il personale che farà da supporto a medici, chirurghi e odontoiatri non se la cava affatto male.

Medicina: qui ci sono gli studenti più bravi. Quasi tutti prendono la lode


È impressionante solo a leggerlo: nel 2016 il voto finale medio dei laureati in Medicina è di 109,9. Superfluo sottolineare come praticamente tutti arrivano alla fine con un percorso didattico quasi immacolato. In più, oltre la metà – il 58,3% - ottiene 110 e lode. E un altro 28,1% si attesta tra 105 e 110. Numeri che fanno impallidire gli altri laureati italiani. La distanza scavata dagli aspiranti medici rispetto al secondo gruppo disciplinare della classifica è abissale, perché i laureati in Lettere sono più che efficienti ma la quota di ‘lodi’ si ferma al 37,5%. Se, però, aggiungiamo un 29,7% che ottiene voti tra il 105 e il 110 il risultato complessivo è di tutto rispetto. Completano il podio i laureati nelle professioni sanitarie: qui la percentuale dei 100 e lode è del 28,3% e quella dei 105-100 arriva al 31,2%.


Fonte foto AlmaLaurea

Le facoltà che ‘galleggiano’: picchi d’eccellenza per le Scienze


C’è comunque da dire che in parecchie facoltà l’eccellenza è ben rappresentata: ad Architettura c’è stato un 22,5% di voti massimi e un 36,1% di 105-110; nell’area delle Scienze le ‘lodi’ salgono addirittura al 29,2% (terzo posto assoluto) e la fascia 105-110 riunisce il 21,2% dei laureati; Geologia e Biologia, invece, hanno il 28,5% di 100 e lode e un 23,8% di 105-110. Accettabili anche i numeri di Lingue (21,9% di ‘lodevoli’ e 27,3% di 105-110), di Psicologia (il 21,8% arriva al top, il 24,9% si ferma subito sotto), di Agraria e di Veterinaria (i 110 e lode sono il 20,6%, i 105-110 il 23,3%).

Diritto, Economia, Statistica: ecco le ‘cenerentole’ del voto di laurea


Ma per alcune facoltà che spiccano per l’abnegazione negli studi dei propri iscritti ce ne sono altre in cui gli studenti arrancano e, alla conclusione del percorso, raccolgono veramente poco dalla discussione della tesi. È il caso dell’area giuridica: la ‘lode’ è una faccenda che riguarda solo il 15,4% dei laureati e il 44,6% non riesce a superiore neppure i 100 punti. Un rendimento decisamente insufficiente, come quello del gruppo disciplinare economico-statistico: 17,9% di 100 e lode e 48,3% di ‘under 100’. Ma, con varie sfumature, queste sono considerazioni che accomunano tantissime facoltà, in cui solo una sparuta minoranza di iscritti si laurea col massimo dei voti: parliamo soprattutto di Ingegneria, Chimica, Farmacia, Scienze politiche e sociali, Scienze della formazione, Educazione fisica.

Tra triennale e magistrale il rendimento cresce nettamente


Ovviamente questi numeri sono influenzati da vari fattori: la complessità delle materie, la severità dei professori e soprattutto la durata del corso di laurea. Naturale che, laddove l’ordinamento vigente è il 3+2, i dati delle lauree triennali abbassino la media complessiva. È ormai consuetudine che il titolo di primo livello venga preso – tranne alcune eccezioni, come nel caso delle professioni sanitarie – senza badare troppo ai voti. Quasi tutti si concentrano sulla laurea magistrale. Cosa che, invece, a Medicina non avviene essendo un percorso unico. Per questo è utile osservare anche l’incremento dei voti finali tra primo e secondo livello. In media i laureati magistrali biennali migliorano il voto finale di 7 punti rispetto a quello di ‘uscita’ dalla triennale, passando dai 101,0 punti del titolo precedente ai 108,0 di quello specialistico.

Lettere: alle biennali il voto finale medio supera i 110 punti


Praticamente in tutte le aree disciplinari si registra una maggiore crescita nella performance. Così, isolando solo le lauree magistrali, si può stilare una sotto-classifica dei corsi biennali con gli studenti più bravi. Tolta medicina, la facoltà di Lettere si conferma ad alti livelli: 110,6 il voto finale medio. Subito dietro c’è tutto il settore scientifico, che senza la zavorra delle triennali si prende la sua rivincita: 109,8 punti il voto di laurea medio. Medaglia di bronzo a pari merito per le discipline chimico-farmaceutiche e per quelle geo-biologiche: in entrambe la performance media è di 109,3 punti. Continuano, invece, a pagare dazio Ingegneria ed Economia: nel primo caso ci si laurea in media con 106,7 su 100, nel secondo con 106,6.

Commenti
Consigliato per te
Le 10 scuse che anche tu hai inventato per non uscire
Skuola | TV
Non perdere il prossimo appuntamento!

Anzichè di mercoledì, andremo in onda il venerdì. Sei curioso di sapere di cosa parleremo? Segui il nostro sito e lo scoprirai!

1 dicembre 2017 ore 16:30

Segui la diretta