Voto a 16 anni, pro e contro della proposta che piace a tutti (o quasi)

Marcello G.
Di Marcello G.
voto a 16 anni

Tutti favorevoli, o quasi, alla proposta di abbassare l’età del primo voto a 16 anni. Sembrava una provocazione, come se ne fanno tante in politica, quella avanzata dall’ex presidente del Consiglio Enrico Letta. Dal destino incerto. Invece in poche ore, complice forse l’eco suscitato dal movimento ambientalista Fridays for Future (che ha per protagonisti proprio degli adolescenti), l’idea di allargare quello che tecnicamente si chiama “diritto all’elettorato attivo” ha ricevuto il plauso di tutti i leader principali. A partire dall’attuale premier Conte, che durante la videochat con Skuola.net ha detto che “abbassare la soglia per votare a 16 anni va benissimo. Ci sta. Non è iniziata ancora una riflessione di governo ma potremmo farla: anzi forse sarebbe più utile che la si facesse in sede parlamentare".


Voto ai sedicenni, cambiare non è così semplice

Non potrebbe essere altrimenti. Perché, al di là delle dichiarazioni dal forte impatto, realizzare un cambiamento del genere non è così semplice e immediato. Per farlo bisogna procedere a una riforma della Costituzione. Il diritto di voto, infatti, è disciplinato dall’art.48 della Costituzione che, al primo comma, recita: “Sono elettori tutti i cittadini, uomini e donne, che hanno raggiunto la maggiore età”. Ovvero 18 anni. Bisognerebbe cambiarne il testo, sostituendo ‘maggiore età’ con ’16 anni’. A meno che non si voglia portare ulteriormente indietro la maggiore età, come avvenne quando si passò da 21 a 18 anni, come avvenuto nel 1975. Ma lì la faccenda sarebbe ben più complessa. E poi c’è la questione del Senato: oggi può votare per eleggere i senatori solo chi ha compiuto 25 anni. Che fare? Abbassare tale soglia a 18 anni? O direttamente a 16? Comunque niente di fantascientifico, visto che alcuni Paesi europei questa possibilità esiste già.

La procedura

Tornando al nostro diritto di voto, trattandosi di una norma costituzionale, è obbligatorio attivare la cosiddetta procedura rafforzata (così come prevista dalla stessa Costituzione, all’art.138): un doppio voto, con la richiesta di una maggioranza assoluta al secondo passaggio, da parte di entrambi i rami del Parlamento (Camera e Senato), ognuna a una distanza minima di tre mesi dall’altra. Con un eventuale referendum popolare confermativo, se richiesto. Un po’ quello che sta avvenendo attualmente con il taglio del numero dei parlamentari. Letta prevede che possa essere “una riforma costituzionale da fare in un anno”. Tecnicamente si può fare. L’accordo sembra esserci. Ma la prudenza è d’obbligo, considerando anche l’esperienza del passato.




Abbassare l’età del voto? C’è chi ci ha già provato

Il diritto di voto, infatti, è una materia con cui si sono cimentati in molti negli ultimi anni. Con altrettanti buchi nell’acqua. Tante le iniziative dal contenuto simile. Nel 2007, ad esempio, l’allora segretario del Partito Democratico, Walter Veltroni, propose di estendere il voto ai 16enni (e agli extracomunitari residenti in Italia da almeno cinque anni) ma solo per le elezioni amministrative (per Comuni e Regioni). Stessa sorte per una proposta della Lega, datata 2015, che invece voleva dare quest’opportunità anche per il rinnovo della Camera e del Senato. Nel 2016 è l’ispiratore del M5S, Beppe Grillo, a caldeggiare l’abbassamento dell’età del primo voto a 16 anni e, più di recente, addirittura a 14 anni.

Voto a 16 anni, tanti favorevoli

È presto per sapere che succederà stavolta. Nel frattempo, come detto, in tanti stanno sposando l’iniziativa di Letta. Sia nel Governo che fuori. Come il ministro degli esteri, Luigi Di Maio, che ha rilanciato affermando che “se a 16 anni un giovane può lavorare e pagare le tasse, dovrebbe almeno avere il diritto anche di votare e scegliere chi decide della sua vita”. Persino Matteo Salvini, dopo settimane di scontro aperto col nuovo Esecutivo, si accoda. “Ripresenteremo la proposta di legge per abbassare a 16 anni il diritto di voto – ha ribadito il leader della Lega - perché ormai i ragazzi e le ragazze oggi sono informati, svegli, partecipi”. Unica voce fuori dal coro, per ora, è quella dell’ex presidente del Consiglio Mario Monti: “Il nostro è un Paese che gestisce le proprie politiche contro i giovani – dice - Mi sembra demagogico cavarsela dicendo che dobbiamo farli votare”.
Skuola | TV
Non perdere la prossima puntata!

Curioso di conoscere il prossimo ospite? Ti diamo un indizio, ha a che fare con un certo Osho...

14 ottobre 2019 ore 17:45

Segui la diretta