Maturità: il Miur guarda il totoesame di Skuola.net

Serena Rosticci
Di Serena Rosticci

Skuola.net incontra Favini che spiega come si creano le tracce

Sulla scrivania dell'Ispettore Luciano Favini, Coordinatore Struttura Tecnica Esami di Stato del Ministero della Pubblica Istruzione, c'era proprio lui: il totoesame di Skuola.net. “A oggi abbiamo già scelto le tracce di Maturità”, dichiara con sicurezza l’Ispettore, alla faccia di quanto scritto in un libro edito quest’anno, che riporta come credibile l’affermazione secondo cui “Il Ministero, perfidamente, controlli fino all’ultimo i toto-temi ipotizzati su siti e forum e scelga volutamente argomenti differenti”. Tuttavia Favini ammette che la sua squadra “osserva le voci che corrono sui mezzi di comunicazione e le commenta tra i suoi membri”.

TRACCE: PRONTE MESI PRIMA DELLA MATURITÀ - “Il Ministero inizia a lavorare sulle tracce mesi prima, già da Novembre per la traccia di Italiano, ma le prime produzioni non arrivano prima di Febbraio”. Così commenta Favini spiegando che ad ogni singola traccia lavora una squadra composta da docenti delle scuole superiori, presidi e anche professori universitari. Alla fine tuttavia, è il Ministro a scegliere fra le proposte dei suoi tecnici.

L'ULTIMA PAROLA AL MINISTRO - Infatti, con un contrappasso da girone dantesco, gli uomini che preparano le tracce d’esame vivono la Maturità come un esame sul quale ci si può giocare la carriera: da una parte infatti il giudizio del Ministro dall’altra quello degli studenti e dei giornalisti, sia sulle scelte sia in caso di errori nelle tracce. Favini confessa che “viviamo questo momento con preoccupazione, perché nonostante tutti i controlli l’errore può scappare”. Se questo accade e si tratta di una mancanza di una certa gravità, non un errore ortografico per intenderci, si apre una commissione d’inchiesta al Ministero, come quando nel 2008 come destinatario di una poesia di Montale venne indicata erroneamente una donna, quando invece era per un uomo. Per questo motivo Favini si augura per quest’anno “di essere premiati non solo dalla fortuna ma che si tenga conto anche dell’impegno”.

ANALISI DEL TEST: COME SI ARRIVA ALLA SCELTA - Proprio per evitare polemiche, per l’analisi del testo la scelta è quasi obbligata: deve ricadere su un autore del ‘900 tra i più noti. Questo perché la prova deve essere accessibile per tutti gli indirizzi: dal classico al professionale, che chiaramente hanno programmi di italiano molto diverse. Tuttavia, per conservare lo spirito della prova, il testo non deve essere uno di quelli abitualmente proposti nel corso dell’anno scolastico. Regola sempre rispettata, tranne nel 2005 e 2007, quando venne proposto Dante, che riuscì a mettere d’accordo sia Moratti che successivamente Fioroni.

PROFUMO O CARROZZA? - E a proposito di Ministri, chi ha scelto le tracce quest’anno? Favini su questa domanda glissa ricordando che “la legge stabilisce che si tratti di una competenza del Ministro” ma ricorda che le tracce devono essere “finite e scelte almeno un mese prima della Maturità”. E questo è uno dei vantaggi del plico telematico: in precedenza bisognava essere pronti molto prima perché le tracce andavano stampate e imbustate.

Preparati con lo Speciale Maturità 2013!

Commenti
Skuola | TV
La Skuola Tv sta per tornare

Dopo mesi di vacanza, siamo pronti per ritornare a farvi compagnia!

4 ottobre 2017 ore 16:30

Segui la diretta