Maturità 2018, l’ultima tesina? Storia della prova più amata dagli studenti

Marcello G.
Di Marcello G.

Giù il sipario sulla maturità che accompagnato gli studenti delle superiori nell’ultimo ventennio. E, con lei, addio anche a uno degli elementi dell’esame di Stato – denominazione questa introdotta dalla riforma avviata nel 1997 dal ministro Luigi Berlinguer – che piaceva di più ai ragazzi: la tesina. Per la prima volta, infatti, si è data (per legge) ai maturandi l’opportunità di iniziare il colloquio orale con un argomento a piacere. Un approfondimento su un tema deciso dal candidato, chiamando in ballo anche più di una materia, che ha permesso a migliaia di studenti di allentare la tensione nel momento in cui si sedevano di fronte alla commissione schierata. La maturità 2018 potrebbe essere l’ultima occasione utile per farlo, dall’anno prossimo si cambia. È dunque arrivato il momento dei bilanci. E, come in tutte le storie che finiscono, si tirano le somme. Ad esempio, come nasce la tesina?

Tesina maturità: il battesimo con la riforma Berlinguer

A introdurla Il D.P.R. 323/98, il decreto con cui si mette nero su bianco la riforma della maturità targata Berlinguer. All’articolo 4 (contenuto dell’esame), comma 7, si legge: “Il colloquio ha inizio con un argomento o con la presentazione di esperienze di ricerca e di progetto, anche in forma multimediale, scelti dal candidato”. Nessun limite dettato dal programma scolastico, nessuna forma prestabilita. C’è chi, negli anni, ha portava un elaborato scritto che illustrava una tesi, chi una mappa concettuale che schematizzava gli spunti proposti, chi una presentazione multimediale fatta al computer (con audio, video e animazioni). Qualcuno ha addirittura fatto entrare in aula persone, animali, oggetti vari. I ragazzi, da quel momento, potevano hanno potuto dare sfogo alle proprie passioni e fantasie.

Le tesine più amate: Sogno, Mafia e Tempo sul podio

Nel tempo, però, si sono consolidati dei temi caldi che sono diventati dei veri e propri protagonisti degli esami di maturità dal 1999 in poi. I più gettonati? Quelli entrati nel cuore dei maturandi e tramandati? Skuola.net, attingendo al proprio archivio, ha individuato quelli più cercati. Nei primi dieci posti ci sono dei grandi classici come il ‘Sogno’, il ‘Tempo’, la ‘Follia’. In tanti, però, provano a cimentarsi con tematiche più complesse come la ‘Mafia’ e le ‘Donne’. Molto amate anche le arti: le tesine sui ‘Colori’, sulla ‘Musica’ e sulla ‘Danza’ ne sono la testimonianza. C’è chi si butta sul nazional-popolare scegliendo il ‘Calcio’. Senza dimenticare letture alternative dei caposaldi del programma di quinto, come la ‘Seconda Guerra Mondiale’.

Dal 2019 arriva la relazione sull’alternanza scuola lavoro

E ora, che succede? Dal 2019, come detto, si apre una nuova era: quella dell’alternanza. L’ultima riforma dei cicli scolastici ha infatti investito pure la maturità. Apportando cambiamenti non di poco conto: cancellata la terza prova (gli scritti tornano a essere due, quella d’italiano e quella d’indirizzo, come in passato), modificati i punteggi delle prove (massimo 20 crediti sia agli scritti che all’orale), viene dato maggior peso al curriculum scolastico (fino a 40 punti). E la tesina? Nei decreti attuativi della Buona Scuola non si parla di lavoro finale multidisciplinare ma di una relazione che gli studenti dovranno preparare sulla base dell’esperienza di alternanza scuola lavoro, svolta dai ragazzi durante il triennio finale delle superiori. Tuttavia, non tutto è perduto: le due cose potrebbero convivere. Aspettiamo nuovi aggiornamenti dal Miur per scoprirlo.


Skuola | TV
Buona estate ragazzi!

La Skuola Tv ritornerà ad ottobre! Buona estate ragazzi!

3 ottobre 2018 ore 16:30

Segui la diretta