5 punti bonus maturità 2020: come funziona quest'anno e cosa cambia

Lucilla Tomassi
Di Lucilla Tomassi
maturità 2020 5 punti bonus

Ebbene sì: la Maturità 2020 è ufficialmente iniziata. Quando? A partire dalle 8.30 del 17 giugno 2020, giorno nel quale le commissioni d’esame sparse in tutta Italia hanno interrogato i primi candidati. Infatti si è andati subito spediti iniziando proprio dal maxi orale, l’unica prova che i maturandi 2020 dovranno affrontare da quando il Ministero dell’Istruzione ha deciso di eliminare le due prove scritte a causa della pandemia di Covid-19 che si è abbattuta sull’Italia e sul mondo a partire dai primi mesi del 2020.
Ma in questa nuova versione della Maturità, come si potranno ottenere i famosi 5 punti bonus? Scopriamolo!



Maturità 2020: come funziona il punteggio?


Come già accennato prima, la Maturità 2020 è stata totalmente stravolta nella sua forma e nella sua struttura: a partire proprio dalla cancellazione delle due prove scritte in favore di un’unica maxi prova orale; ed è proprio per questo che il punteggio è poi stato rimodulato di conseguenza. Invece che partire dai classici 40 punti di crediti, stabiliti a partire dallo scorso anno, quest’anno i maturandi potranno contare su un massimo di 60 crediti con i quali sedersi davanti la commissione d’esame. Mentre i 40 punti mancanti per arrivare al classico voto di Maturità 100/100, che da anni è conteggiato proprio in centesimi, saranno interamente assegnati al maxi orale di Maturità 2020. E allora in quali occasioni si potranno invece raggiungere i famosi 5 punti bonus? Vediamolo insieme.



I 5 punti bonus: ecco quando verranno assegnati


C’è da sottolineare che i 5 punti bonus vengono da sempre assegnati a discrezione della commissione d’esame agli studenti ritenuti più meritevoli. Quindi non esiste una regola secondo la quale prima o dopo un determinato numero di punti vadano necessariamente aggiunti questi 5 punti. Inoltre non è neanche detto che la Commissione d’esame decida di assegnarli tutti e 5, ma può deliberatamente decidere di assegnarne solo una parte; 2, 3 o solo 4. Infine i punti bonus non potranno entrare nel conteggio per ottenere la lode, che sarà assegnata sempre a discrezione della commissione d’esame, ma che potrà essere assegnata solo se il candidato ha accumulato i 100 punti senza bisogno dei 5 punti di bonus.
Quindi: qual è il criterio per l’assegnazione dei 5 punti di bonus? Ebbene, ogni commissione decide autonomamente, solitamente in sede di riunione plenaria, come e in quali occasioni assegnare i punti bonus: ma in generale i candidati che potranno usufruire dei punti bonus sono coloro che durante gli ultimi tre anni di superiori hanno mantenuto una media di voti e quindi poi di crediti di fascia alta e che durante il maxi colloquio orale siano andati particolarmente bene.
Skuola | TV
Non perdere la prossima puntata!

Curioso di conoscere l'ospite della prossima live? Continua a seguirci!

11 marzo 2021 ore 16:00

Segui la diretta