Video appunto: Conte Zio e Padre Provinciale - Personaggi Promessi Sposi

Il conte zio e il padre provinciale

"I promessi sposi - ha scritto Eugenio Donodoni (1870-1924) poeta, romanziere e soprattutto critico fra i maggiori del primo Novecento - sono una revisione della vita dei singoli e delle classi e degli istituti sociali fatta in nome della ragione, del criterio morale, del buon senso.
Salva la fede, resta distrutto e deriso tutto ciò che anche il secolo degli Enciclopedisti aveva distrutto o deriso: l’aristocrazia, il clero mestierante, il fanatismo ipocrita, la giustizia arbitraria, la dottrina degli addottrinati, la sapienza dei diplomatici, la gloria e l’eroismo delle guerre dinastiche. L’aristocrazia è don Rodrigo, il conte Attilio; il clero è don Abbondio; il monachiamo è il padre provinciale e Gertrude e la badessa del convento: la giustizia è il dottor Azzeccagarbugli e il podestà di Lecco; la dottrina è don Ferrante; la diplomazia è il conte zio, la gloria della guerra è l’invasione dei lanzichenecchi e la carestia e la peste al seguito. Pochi libri sono così negativi, cos’ derisori come i Promessi sposine. Ecco, in questa prospettiva generale di interpretazione che niente ha perduto di validità, il profilo di due Personaggi d’autorità", il conte zio e il padre provinciale.

Il conte zio [...] non è né governatore, né gran cancelliere, né podestà di nessun potere diretto: appartiene solo ad una di quelle giunte, di quei corpi ornamentali, onde il dispotico governo spagnolo trovava modo di accontentare la imbecille vanità del patriziato, dandogli l’illusione di partecipare al governo della cosa pubblica. Ma vicino all’autorità legale ci è sempre un’altra specie di autorità, tanto più efficace, quanto meno avvertita: l’autorità, che io chiamerei dell’influenza. È l’autorità nascosta, che lavora sott’acqua, che preme e sforza le autorità palesi. È l’autorità, la cui presenza e invadenza è documentata da quel ritornello delle gride: che le pene inesorabili potevano essere modificate "ad arbitrio di S.E.". Fra questa autorità d’influenza e l’autorità legale è una lotta perpetua. Nell’età tipica della libertà, nell’età dei Comuni, una serie di provvedimenti tendeva a liberare l’autorità legale dagli impacci e dalle insidie di quella autorità d’influenza. La pubblicità dei processi, le rigide norme imposte al potere esecutivo, la discussione delle leggi sono alcuni dei mezzi, non sempre sufficienti, per dar forza anche oggi all’autorità legale: perché l’autorità d’influenza non muore mai, anche se assume le parvenze e i nomi più liberi, e più democratici. In tempi poveri, l’autorità legale cede all’autorità d’influenza. E quest’altra è - inutile dirlo - novanta volte su cento - e non può essere altrimenti - la protezione delle iniquità. È l’abuso, il privilegio che non vuoi morire. E il conte zio esercita difatti quell’autorità d’influenza per un fine malefico, perché la tristizia di suo nipote non abbia più nessun testimonio importuno, perché l’amor proprio di suo nipote sia pago, e padre Cristoforo, che era venuto a braveggiarlo nel suo palazzo [cap. V], sia trasferito lontano. "Provvedimenti prudenziali" vecchi e sempre nuovi.

Il conte zio è un anonimo. È così, sostanzialmente, nullo che si direbbe non gli convenga neppure quella qualunque fisionomia che dà un nome proprio. Ma ha la forza della sua stessa nullità. Accoppiata alla sua qualità di conte, alla dignità di membro del Consiglio segreto, quella nullità si trasforma in una risultante tutta prestigiosa, che si chiama credito: in una virtù fatta di illusione, di prospettiva ottica che svanisce in niente ogni volta che le si va vicino.Il conte zio sa che la sua forza è in questo credito: egli non ha mai niente da dire, niente da proporre; ma nel far valere quel niente, nel lasciare intravvedere chi sa che in quel niente, è maestro. E il Manzoni ce lo ritrae in questa funzione essenziale della sua vita, in questo atteggiamento fondamentale del suo spirito, con un umorismo, anzi con un buon umore, con una ricchezza e individualità di particolari, che c’è da credere egli abbia desunto quel tipo dal vivo di quella vecchia nobiltà donde egli proveniva, e che, più che parinianamente, dispregiava . [...]Il conte zio, di quel suo niente divenuto una potenza, di quel suo credito, ha piena consapevolezza: e guai a chi lo tocca! Il diletto nipote Attilio [...] con la sfrontata intuizione della sua monelleria, che del cervello lo zio ne avesse poco, che la circospezione del valentuomo fosse tardità intellettuale, lo sapeva bene: e perciò dalla lontana come chi esprime un parere proprio, insinua nel vecchio l’idea, a cui forse egli non sarebbe arrivato da se, di far rimuovere da Pescarenico il padre Cristoforo [cap. XVIII]. Ma il conte, che pure tradurrà in atto quel suggerimento, sente di dover reagire contro chi ardisce di credere, che egli possa accogliere il consiglio altrui. "Lasci il pensiero a chi tocca, vossignoria, disse un po’ crudamente il conte zio,: che passa subitamente dal confidenziale tu a quel gelido e diplomatico lei. Il conte zio è ombroso del suo credito veglia continuamente alla sua difesa. Capisce che se gli manca è morto. Perciò racconta spesso, a rinfrescarlo nell’animo altrui, la sua missione diplomatica a Madrid [cap. XVIII]; quella missione in cui il conte duca gli aveva rivolto - in presenza di mezza la corte- una delle domande più pregnante di significati reconditi: se gli piaceva Madrid, e fattagli, nel vano di una finestra, una confidenza, di quelle che scoprono a un tratto un nuovo orientamento diplomatico: che il duomo di Milano era il tempio più grande che fosse negli stati del re. Ma il conte zio ha non solamente un amore ombroso per la sua carica e per il suo credito: ma un amore anche più ombroso per il suo sangue e per il suo nome: che sono del resto la base vera anche di quel credito. Il suo sangue e il suo nome sono, in fondo tutto lui: perché egli, per sé, non è niente. Il conte Attilio lo sa, e, per averlo protettore sicuro contro il padre Cristoforo, non conosce miglior mezzo, che di fargli intendere che il frate non ha nessun riguardo all’alta parentela di don Rodrigo. [...]E in questa difesa innanzi tutto del suo sangue la vanità del conte zio si trasforma come tante volte accade delle vanità - in una vera e propria ingiustizia: l’angustia del cervello diventa miseria di cuore: l’uomo ridicolo diventa cattivo [...]. Per quella carne vecchia passano fiamme di una sensualità indomata: si capisce che l’unica vita vera di questo scapolo fu in quella sensualità: o almeno sarebbe stata, se la politica e la carriera non lo avessero tutto preso. Il conte Attilio vuoi far capire che il padre Cristoforo abbia per Lucia una tenerezza indegna, e parla con sospensioni e perplessità: ma il conte intuisce subito, e precorre questa volta. "- Intendo, - disse il conte zio: e sur un certo fondo di goffaggine, dipintogli in viso dalla natura, velato poi e ricoperto, a più mani di politica, balenò un raggio di malizia, che vi faceva un bellissimo vedere". Che poi don Rodrigo "abbia fatto qualche scherzo" a Lucia "incontrandola per istrada" è una bazzecola, non meno per Attilio, che vi accenna incidentalmente, che per il conte troppo serio e troppo grave per chiedere anche il più lieve schiarimento intorno ad un punto, che era quello che più andava chiarito e ben chiarito. E accoglie senz’altro l’insinuazione tanto codarda quanto puerile, che il padre sia un rivale di Rodrigo, nel contendersi Lucia: e da quella insinuazione prenderà le mosse al suo gran discorso al padre provinciale. [.. . ]Il conte è tutto lui in questa funzione, che è tutta sua e dell’arte sua: si tratta di conquistare un’altra autorità: e la conquista accadrà in virtù di quella forma, che per quel diplomatico è la più efficace e la più reale delle sostanze.