melaisa di melaisa
Ominide 2160 punti

Lettera al signor Chauvet


Tra il 1820 e il 1823 Manzoni approfondisce fondamentali questioni di poetica in alcuni suoi importanti scritti:
• Lettera al Signor Chauvet sull’unità di tempo e di luogo nella tragedia” scritta in risposta ai giudizi negativi mossi al Conte di Carmagnola dal critico francese Chauvet, il quale contestava a Manzoni di essersi allontanato dalle regole del classicismo. Delle tre unità aristoteliche Manzoni accoglie solo la prima interpretando l’azione come catena di eventi consequenziali. Manzoni sostiene le proprie considerazioni sulla base dell’esempio di Shakespeare; La funzione della poesia è quella di integrare la storia e restituirne le parti perdute raffigurando quello che i documenti non tramandano.

Lettera sul Romanticismo


Nel luglio 1823, in occasione della pubblicazione sulla rivista cattolica dell’inno “La Pentecoste”, Cesare Tapparelli D’Azeglio scrive una lettera in cui accenna alla polemica che in quei determinati anni contrappone i classicisti e i romantici, prevedendo l’insuccesso di questi ultimi. Manzoni risponde con una missiva in cui riassume e ribatte le sue posizioni romantiche.
Quest’opera venne pubblicata nel 1846 in Francia e poi rimaneggiata solo nel 1870. Quest’opera chiarisce la poetica manzoniana e mette in risalto l’originalità della posizione manzoniana nel quadro del Romanticismo europeo.
Hai bisogno di aiuto in Vita ed opere di Alessandro Manzoni?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email