Lorep di Lorep
Ominide 1403 punti

La lettera al marchese Cesare d’Azeglio sul Romanticismo

La lettera al marchese D’Azeglio (22 settembre 1823) fu scritta in risposta al marchese che aveva pubblicato su una rivista torinese La Pentecoste le sue perplessità riguardo la definizione di “ romantico “ usata da Manzoni. la lettera pubblicata nel 1846 a Parigi, espone la concezione dell’arte che sta alla base della poetica del Manzoni.
Manzoni è contro l’imitazione, le regole classicheggianti e la mitologia ed è a favore di un sistema letterario che abbia tre principi: l’utile per iscopo, il vero per soggetto e l’interessante per mezzo. L’utile per iscopo significa che il fine dell’arte è l’educazione civile e morale. Il vero per soggetto significa che l’arte deve esprimere la realtà umana in senso storico e in senso spirituale e psicologico. l’interessante per mezzo significa che l’arte per educare deve ispirarsi al sentimento della moltitudine(la borghesia) e all’esperienza diretta dei lettori contemporanei. La verità inoltre è fine a se stessa ed ha il fine estetico di raggiungere la bellezza. l’arte non deve essere un divertimento della fantasia fine a se stesso ma deve prefiggersi uno scopo etico proprio da ragioni morali ed estetiche deriva il rifiuto della letteratura tradizionale. nel momento in cui percepiamo il falso, il diletto e l’interesse spariscono automaticamente.

Hai bisogno di aiuto in Vita ed opere di Alessandro Manzoni?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email