melaisa di melaisa
Ominide 2160 punti

Gli Inni sacri

Gli Inni sacri sono la prima opera scritta dopo la conversione. Di dodici componimenti previsti ne furono portati a compimento solo cinque. Sono: la Resurrezione, il nome di Maria, il Natale, La Pentecoste e la Passione.
Questi rappresentano i diversi momenti della liturgia e sono visti come la risposta risolutiva ai grandi tempi tragici.
Manzoni tramite quest’opera vuole illustrare al popolo dei credenti i momenti nodali della rivelazione rimarcando il loro potere di indirizzare la vita di tutti gli uomini.
Protagonista degli inni sacri è la Chiesa intesa come comunità vivente dei cristiani, i quali lottano contro il male e insieme invocano l’assistenza della grazia divina.
Con gli Inni Sacri egli si discosta dal classicismo e dalla poesia di stampo alfieriano; Manzoni infatti vuole esprimere “temi popolari” attraverso la forma dell’inno.

Le odi civili

Furono composte tra il 1812 e il 1822. Le odi trattano di argomento civile mentre gli Inni sacri trattano argomenti religiosi. Anche se hanno contenuti e argomenti diversi, sono accomunati dalla riflessione sulla storia dell’uomo e sull’intervento divino in essa.
Nelle Odi sono narrati eventi contemporanei inserivi in una riflessione di natura morale e spirituale. Manzoni compone:
Marzo 1821: composta in occasione dei moti piemontesi, che illudono gli intellettuali lombardi che l’erede al trono Carlo Alberto appoggerà l’insurrezione del Lombardo-Veneto contro gli austriaci
• Il 5 Maggio: composta in occasione della morte di Napoleone, il quale evento inspira a Manzoni una profonda meditazione sul senso della storia, delle azioni dell’uomo e sulla fragile condizione umana. La vicenda viene però reinterpretata in una prospettiva ultraterrena, dove la gloria terrena perde di significato di fronte all’eternità del divino.
Hai bisogno di aiuto in Vita ed opere di Alessandro Manzoni?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email