icaf di icaf
Sapiens 717 punti

Il bambino col pigiama a righe

Il libro è ambientato in Germania, ad Auschwitz, durante la Seconda Guerra Mondiale quando Adolf Hitler volle eliminare gli ebrei d’Europa mandandoli nei campi di concentramento.
La storia racconta questo evento storico drammatico con gli occhi di un bambino tedesco di circa 9 anni, Bruno.
Il padre è un ufficiale tedesco incaricato del massacro degli ebrei.
Un giorno Bruno e la sua famiglia si trasferiscono ad Auschwitz, un piccolo paese vicino a Berlino. Il motivo del trasloco è dovuto al lavoro del padre: lavora in un campo di concentramento e di sterminio proprio accanto alla loro casa.
Un giorno,di nascosto, Bruno decide di andare a vedere quello strano campo circondato da un filo spinato. Qui incontra Shmuel, un bambino ebreo della sua stessa età e incominciano a parlare: diventano amici e si incontrano tutti i giorni, sempre di nascosto.

Passano un po' di giorni, finchè Shmuel viene mandato nelle camere a gas del campo di sterminio insieme ad altri ebrei, su ordine del padre di Bruno, e con lui va anche Bruno.
Questo tragico errore provocherà rabbia e dolore alla famiglia dell'ufficiale.
Libro molto toccante, ricco di valore e sentimento, che permette di vedere i fatti da un insolito punto di vista, quello di un bambino tedesco.

Hai bisogno di aiuto in Recensioni libri?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email