sc1512 di sc1512
Ominide 5764 punti

-Cicerone-

Marco Tullio Cicerone nacque nel 106 a.C. ad Arpino da una famiglia della nobiltà equestre.
Effettuò i primi studi a Roma, dove entrò in contatto con importanti oratori e giuristi.
Fu inizialmente avvocato, professione che però subito abbandonò per dedicarsi ad altri studi in Grecia, dove frequentò le scuole del filosofo Antioco e del retore Molone.

Una volta rientrato a Roma, iniziò la sua vera e propria carriera politica, infatti divenne questore, poi edile e anche pretore, ma l’apice della sua carriera fu quando venne eletto Console nell’anno 63 a.C.; durante il periodo da console, fece reprimere la congiura di Catilina, uomo aristocratico che voleva la formazione di un principato a Roma, cosa che poi accadrà con Augusto.

La sua carriera politica iniziò il declino quando rifiutò di sostenere il primo triumvirato di Cesare, Pompeo e Crasso.
Cicerone andò poi in esilio a causa di una legge emanata da Clodio che obbligava all’esilio coloro che avessero ordinato esecuzioni capitali (Cicerone aveva condannato i Catilinari); venne richiamato però a Roma da Pompeo e venne inviato a governare la provincia di Cilicia.

Rientrato a Roma si schierò dalla parte di Pompeo, poiché lo riteneva meno pericoloso per la Repubblica rispetto a Cesare.
Fu ucciso nel 43 a.C. dai sicari di Antonio, perché si era schierato contro di lui dopo che Cesare era morto.

-Le Opere-

Le Opere scritte da Cicerone sono moltissime e sono divisibili in tre categorie: le Opere Oratorie, Filosofiche e Retoriche.

- Le Opere Oratorie trattano dei vari processi a cui aveva preso parte Cicerone; sono brevi e i loro contenuti sono a favore o contro qualcuno.

- Le Opere Retoriche sono testi che Cicerone scrisse da retore, infatti il linguaggio è forbito e alto; ne fanno parte le lettere che egli scrisse ad amici e familiari.

Hai bisogno di aiuto in La fine della Repubblica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email