Ominide 4863 punti

Satira 1
La musa dell’indignatio è un esplicito programma di poetica in cui Giovenale spiega i motivi per i quali ha deciso di scrivere satire (egli afferma: “dovrò io sempre soltanto ascoltare?”). Il poeta critica la letteratura contemporanea, basata sulle recitationes, ovvero gli esercizi declamatori che ripropongono fino alla nausea i soliti temi mitologici, lontanissimi dalla realtà e astrusi: lo studio del passato non deve essere fine a se stesso, bensì configurarsi come strumento per comprendere al meglio la realtà.

Per questo motivo, il poeta si contrappone alla letteratura delle recitationes e guarda alla realtà contemporanea, affermando di voler scendere nel campo di Orazio e Lucilio (padri del genere satirico). Mentre nella satira di Orazio prevaleva l’indulgenza verso un’umanità imperfetta, in cui si inseriva lo stesso poeta, Giovenale assume come proprio modello Lucilio; infatti, la sua satira è una sanguigna e aspra demistificazione, sulla scia del realismo di Marziale. Giovenale espone tutta la parte negativa della società, attraverso il filtro della propria ira.

Ciò che lo spinge a scrivere satire è la naturale indignazione che deriva dallo sfacelo morale della società corrotta e perversa in cui la ricchezza è ciò che tutti tentano di raggiungere con i mezzi più spregiudicati. Guardare la realtà contemporanea implica quasi necessariamente scrivere satire. L’indignatio è una fonte di ispirazione così potente da poter sopperire addirittura alla mancanza di talento: scrivere diventa una vera e propria necessità morale per esprimere lo sdegno e denigrare la corruzione. Infatti, il poeta non si presenta come Orazio, nella sua veste autobiografica, bensì, come una sorta di “Anonimo Romano”, difensore della morale offesa.

Giovenale critica l’ipocrisia: “L’onestà vien lodata, ma muore di freddo”. Tutti si lamentano della disonestà e della corruzione, tuttavia, nessuno ha il coraggio di essere onesto.
Alla fine della I satira, Giovenale afferma di limitarsi a denigrare i morti e gli eventi del passato per evitare ritorsioni dai vivi, particolarmente pericolose quando a essere criticato è proprio il potere imperiale.

Hai bisogno di aiuto in L'età imperiale?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email