Ominide 395 punti

Giovenale, Decimo Giunio - Biografia


Decimo Giunio Giovenale nasce quasi sicuramente nel Lazio, precisamente ad Aquino, tra il 50 e il 60 D.C. Da alcuni versi di Marziale ci rendiamo conto che Giovenale non è di condizione sociale ed economica elevata.
Tuttavia riesce ad avere una decente formazione retorica e si dedica all'avvocatura e alle declamazioni.
Giovenale nella sua attività poetica riprende quell'atteggiamento di critica verso la letteratura moderna, assunto in precedenza da Persio.
Espone il motivo per cui si dedica all'arte satirica, ovvero quello di una realtà piena di scandali, perversione e misfatti di qualsiasi genere.
Lo sdegno è l'atteggiamento scelto dall'autore per descrivere il comportamento umani con tutti i suoi vizi peggiori, con l'obiettivo di suscitare determinate risposte emotive nei lettori, sopratutto i più giovani. Già leggendo pochi versi notiamo un'opera caratterizzata da una concezione assolutamente negativa della realtà. A partire dalla ottava satire Giovenale inizia ad assumere caratteri e movenze diverse, molto più leggere. Tali movenze rendono i componimenti molto più pacati; subentrano elementi come l'ironia e lo scherno.
Quindi, si passa da un momento iniziale pieno di tensione e critica ad una parte successiva più satirica e leggera.
Hai bisogno di aiuto in L'età imperiale?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email