Video appunto: Alle origini della nostra lingua
L'italiano è la lingua che utilizziamo per parlare e per scrivere, per comunicare ed esprimere ogni nostro pensiero. Ma come è nato l’italiano? Come molte lingue europee, anche la nostra si è formata nel corso dei secoli, in un lungo periodo durante il quale ha subito una costante trasformazione ed evoluzione.

Per comprendere le fasi di questo processo, da cui si è originato l'italiano che noi oggi conosciamo, dobbiamo necessariamente tornare indietro di molti secoli, all'epoca di Roma antica, e tracciare brevemente la storia della lingua allora parlata: il latino.

Il latino, una lingua indoeuropea



Il latino è una lingua di origine indoeuropea. Con il termine «indoeuropeo» viene indicata la lingua preistorica da cui si ritiene siano derivate gran parte delle lingue europee e asiatiche, sulla base di alcune caratteristiche comuni riscontrate tra di esse. L'indoeuropeo era la lingua parlata dagli Indoeuropei, antichissime popolazioni organizzate in tribù a carattere patriarcale, originarie, sembra, delle steppe della Russia meridionale. Queste tribù, tra il IV e il III millennio a.C., si stanziarono, attraverso successive migrazioni, in una vasta zona che si estendeva dall'Europa centro-orientale all'India. La loro lingua si sovrappose alle lingue locali, che ne furono contaminate e influenzate. Da queste mescolanze nacquero nuove lingue con caratteristiche comuni tra le quali, appunto, il latino.