Ominide 4552 punti

Letteratura latina - Origini e scopi


La letteratura latina deriva dalla cultura greca. In seguito alla conquista della Grecia da parte dell’impero romano, la cultura latina e greca si fusero, portando nell’impero romano un nuovo tipo di letteratura, quella greca, personalizzata dai romani secondo il loro modo di pensare e di vedere le cose. Attraverso la letteratura possiamo comprendere l’evoluzione, la politica, l’economia il modo di pensare di una popolazione, per questo grazie alla letteratura possiamo conoscere la civiltà romana.
Roma fu fondata nell’ottavo secolo A. C. Dato che ci sono diverse versioni e ipotesi sulla nascita di Roma, si crede che essa avesse una certa importanza sin dalla preistoria. Quando Roma nacque era un borgo formato da persone che vivevano grazie all’allevamento e all’agricoltura. Le popolazioni instaurate sui sette colli si fusero tra l’ottavo e il settimo secolo A. C., formando una sorta di federazione. Il popolo etrusco esercitò una forte influenza su Rom, proprio per questo molti dei sette re dei Roma sono di origine etrusca. Essi influenzarono la popolazione romana anche per quanto riguarda la religione, l’economia e l’arte. Gli etruschi si stabilirono in Italia a partire dal 1200 A. C. ed essi si stanziarono in Lazio nell’ottavo secolo. Le città romane erano organizzate più o meno come le poleis greche. Dopo la sua fondazione, Roma fu governata dai sette re, però non sappiamo con certezza cosa successe durante questo periodo, in quanto storia e leggenda si fondono. Dopo la monarchia instaurata dai sette re, a Roma venne fondata la repubblica, nel 509 A. C. A Roma nacque un conflitto tra i patrizi, persone ricche che avevano diversi diritti, e i plebei, che non avevano alcun diritto La contrapposizione tra patrizi e plebei si concluse con la riforma dei fratelli Gracchi, che lottarono per la proclamazione dei diritti per i plebei. Roma affrontò pure tre guerre contro i cartaginesi, per il predominio marittimo, passate alla storia come “guerre puniche”.
Nel periodo compreso fra la nascita di Roma e la nascita della cultura latina non si hanno documenti che attestino la produzione letteraria, in quanto essa era tramandata oralmente. Con la nascita della scrittura cuneiforme i testi cominciano ad essere scritti, ma i loro autori restano quasi sempre in forma anonima. La scrittura cuneiforme si divide in lineare a, decifrata dagli storici, e lineare b, ancora un mistero per gli studiosi contemporanei. Le prime testimonianze attestanti l’uso della scrittura cuneiforme dai latini si ha grazie al ritrovamento della lapis niger, avvenuto nel 1999. Fu trovato un “masso” con incise delle lettere in scrittura cuneiforme. L’iscrizione contiene il nome dell’artigiano e del committente.
A Roma non tutti però sapevano scrivere, solo le persone più importanti della società, legate al mondo economico, politico o religioso. Per questo fino al terzo secolo A. C. a Roma non si ha nessuna forma di letteratura, in quanto si prediligeva una trasmissione orale della cultura “dalla bocca all’orecchio e dall’orecchio alla bocca”.
Hai bisogno di aiuto in Arcaica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email