Ominide 597 punti

Origini della letteratura latina


Roma nasce nel 753 a.C. la letteratura latina nasce 500 anni dopo. Roma da piccola città del Lazio aveva conquistato un grande impero, si era estesa prima nelle zone vicine poi aveva conquistato il nord della penisola, poi il sud dove c’erano le città della Magna Grecia e poi si era estesa oltre le sponde del Mediterraneo sconfiggendo Cartagine. Durante le guerre Puniche combatté contro la Macedonia e le zone arabe. Per molto tempo Roma si dedicò solo alla guerra, ma quando entrò in contatto con il mondo greco dopo la conquista dell’Italia meridionale e le guerre in Italia capì che non esisteva solo la guerra. Il nemico sconfitto (Grecia) era inferiore dal punto di vista militare, ma superiore dal punto di vista culturale, così Roma capì che doveva aprirsi alla cultura. Non avendo esperienza in tal senso i romani fecero venire a Roma schiavi greci affinché istruissero i figli dei Romani. Le prime opere letterarie latine non furono originali ma traduzioni di opere greche e lentamentei Romani riuscirono a creare una letteratura propria.

I Carmina


Nei 500 anni prima della nascita della letteratura latina i Romani pur non scrivendo opere letterarie, usavano la scrittura per fini pragmatici. Tra le opere pragmatiche che scrissero ricordiamo i ‘Carmina’, essi sono prose ritmiche estremamente musicali. Non sono ancora poesie ma hanno già la musicalità che sarà propria della poesia. Sono scritti al fine di ottenere la benevolenza divina per un buon raccolto o per un buon esito della guerra.
Esistono vari tipi di Carmina:
- carmina arvalia: la parola arva vuol dire campo. Questi carmina quindi erano pronunciati per ottenere il favore divino, per un buon raccolto agricolo.
- carmina Triumphalia: questi carmina erano legati all’ambito militare, erano pronunciati in occasione dei trionfi militari.
- carmina Soliare: era uno dei carmen più antichi, anch’esso era legato all’ambito militare.
- carmina convivalia: erano pronunciati davanti ai banchetti, durante questi momenti festosi i romani erano soliti rendere omaggio ai nobili benefattori che spesso offrivano banchetti.
Hai bisogno di aiuto in Arcaica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email