Livio Andronico


Livio Andronico giunse a Roma dopo la Guerra Tarantina. Presenta un doppio nome, il primo latino ed il secondo greco, probabilmente perché era uno schiavo greco al quale fu concessa la libertà ed il "nomen" gentilizio. Fu infatti Livio Salinatore a renderlo un liberto.
Livio Andronico fu importantissimo per la cultura latina. Si occupò infatti dapprima dell'educazione dei figli di Livio, poi con lo scopo di difendere le opere greche si occupò della loro traduzione in lingua latina. Si guadagnò in questo modo l'approvazione dei gruppi culturali che si battevano per l'apertura nei confronti della cultura ellenica.
Nel 240 a.C. per festeggiare la vittoria su Cartagine gli venne affidato l'incarico di comporre e rappresentare una "fabula", ovvero una rappresentazione teatrale, in occasione dei Ludi romani.
Nella sua vita compose opere teatrali dal modello greco e tradusse in latino l'Odissea con il nome di "Odusia, utilizzando però il saturnio, verso della tradizione latina. Al posto della Musa utilizzò come ispirazione al canto la nuova figura di "Carmena" (dal latino "carmen" e "canere).
Importante nella sua produzione è il ruolo delle sue "fabulae cothurnae" con le quali si riallaccia al ciclo troiano, da lui prediletto in quanto da Troia proveniva Enea, fondatore della civiltà romana e per questo molto caro ai Latini.
Livio tuttavia scelse di tradurre l'Odissea al posto dell'Iliade, perché era il poema del mare per eccellenza, dunque si adattava perfettamente a Roma che, proprio grazie al mare si stava facendo strada tra i popoli antichi. Inoltre quest'opera trattava temi come il sentimento per la famiglia e per la patria, molto cari ai Romani (da tenere presente il concetto di mos maiorum); senza contare che al contrario l'Iliade non sarebbe stata vista di buon occhio dai Romani, in quanto narrava di una guerra in cui la città di Troia usciva sconfitta.
Livio nel tradurre dal greco al latino trovò però molte difficoltà in quanto il latino era ancora una lingua povera di termini, dunque molti furono introdotti dallo stesso, inoltre dovette modificare il verso saturnio da accentato a quantitativo.
Nonostante tutto Livio venne considerato spesso molto rozzo dai posteri, e per la sua rivalutazione bisogna aspettare molti secoli.
Hai bisogno di aiuto in Arcaica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email