Video appunto: Cornelius e Racine - Confronto attraverso "Le Cid" e "Phaedra"

Cornelius e Racine - Confronto attraverso "Le Cid" e "Phaedra"



Questo è lo scopo generale della tragedia secondo Cornelius e Racine.
- Cornelius vuole "dipingere gli uomini come dovrebbero essere".
- Racine vuole "dipingere gli uomini così come sono" (miseria e grandezza della condizione umana: Fedra rappresenta la miseria dell'uomo, abbandonato da Dio).

Di conseguenza, i due drammatici sistemi sono in contrasto sotto diversi aspetti.
Fonte di ispirazione drammatica
Lei non è la stessa. Infatti, se Corneille cerca la sua ispirazione soprattutto negli spagnoli o nelle tragedie cristiane (per esempio Polyeucte), Racine, invece, preferisce cercare i suoi modelli nella tragedia greca.
Relazione con le Tre Regole di Aristotele
Cornelio preferisce l'improbabile (= ciò che non è vero) e per raggiungere questo obiettivo non rispetta le regole di Aristotele (cioè l'unità di luogo, tempo, azione e decoro).
Racine preferisce il plausibile, obiettivo che raggiunge rispettando le regole di Aristotele. Egli afferma, tuttavia, che "la regola delle regole è quella di piacere e di toccare: tutte le altre sono fatte solo per raggiungere la prima. »

Azione e trama del personaggio
Con Corneille, l'argomento è straordinario, la trama complicata, vale a dire che comprende diverse storie (Rodrigue/Chimène love - Infante/Rodrigue)
Che Racine, L'azione è semplice, carica di poca materia, la trama è una sola (l'amore di Fedra per Hyppolite)

Origine del conflitto
Con Corneille, il conflitto nasce nell'anima dell'eroe, che si divide tra la passione per la persona amata e il dovere, ed è sempre il dovere che prevale.
In Racine, invece, il conflitto nasce da una passione a lungo contenuta o nascosta che si scatena in tutta la sua furia all'inizio della commedia quando si alza il sipario e fa correre tutti gli esseri verso un tragico destino.
Rapporto tra ragione e passione?
Nei personaggi del teatro di Corneille, l'amore occupa un posto secondario rispetto alla vendetta e all'ambizione. D'altra parte, nelle opere di Racine l'amore è il soggetto principale: è una passione irresistibile, irrazionale, egoista, impossibile, gelosa e difficile da controllare.

Base dell'amore?
Da Corneille, l'amore si basa sulla stima e sull'onore. A Racine, l'amore si basa sulla passione estrema e sulla gelosia: è un flagello che invade l'anima dell'eroe e gli toglie tutta la libertà.

L'uomo che affronta il suo destino
I personaggi di Corneille sono capaci di dominare il destino e di invertire il loro destino; sono liberi e il loro eroismo si basa sulla capacità di fare scelte molto spesso difficili. D'altra parte, nelle tragedie di Racine, Fedra per esempio, l'uomo è vittima del destino e della volontà divina contro cui non può fare nulla; non è libero eppure si sente colpevole delle sue azioni.

I personaggi: maschile o femminile?
Cornelius mette in scena sia personaggi maschili che femminili; tuttavia, Chimène e tutte le eroine di Cornelius hanno un'anima virile. Racine ha una predilezione per i personaggi femminili: Fedra, Berenice, Athalie, ecc... Descrive l'anima femminile, la sua debolezza, la sua violenza, la sua gelosia...

Visione positiva o negativa dell'uomo?
Nel complesso, Cornelius ha una visione positiva dell'uomo perché è in grado di controllare i suoi sentimenti e i suoi istinti. D'altra parte, Racine ha una visione negativa dell'uomo e della sua incapacità di controllare i suoi istinti negativi.

Cosa vuole che veda lo scrittore?
Cornelius si pone l'obiettivo di suscitare ammirazione attraverso il culto dell'eroe che è un essere esemplare, anzi rappresenta il lato nobile dell'anima. Per difendere l'onore della sua famiglia, Rodrigue è pronto a vendicare suo padre e a uccidere il padre di Chimène. Attraverso le sue tragedie, Racine vuole suscitare paura, pietà, commuovere gli spettatori e farli piangere.
Registrati via email