Sapiens Sapiens 15311 punti

Umbria: le città


L’Umbria è ricca di città famose per la loro storia e soprattutto per il loro grazioso aspetto medioevale.
Il capoluogo è Perugia che sorge sui colli appenninici ad un’altitudine di 943 m. e si affaccia sulla valle del Tevere. Abitata inizialmente dagli Umbri, un antico popolo italico, successivamente passò sotto il dominio etrusco e dopo un lungo periodo di ostilità passo definitivamente sotto Roma. Durante la lotta civile fra Antonio ed Ottaviano, il fratello di Antonio si rifugiò a Perugia: il rivale la cinse d’assedio e la espugnò. Stava per abbandonarla al saccheggio dei suoi soldati quando un cittadino, non volendo che la città cadesse in preda alle soldatesche, preferì incendiarla e i suoi cittadini ne seguirono l’esempio. La città fu devastata e completamente distrutta ma risorse per volontà di Augusto che le dette il nome di Augusta Perusia. Circa cinque secoli dopo, la città fu di nuovo distrutta dai barbari di Totila. Durante l’età comunale, Perugia diventò la città più importante dell’Umbria e nel XV fu sottomessa da Papa Paolo III e fece parte dello Stato Pontificio fino al 1860.
Fra i suoi monumenti si possono ricordare:
• la Fontana Maggiore, di origine duecentesca e ammirabile per l’eleganza del suo stile e la ricchezza delle decorazioni, dovute a Niccolò e Giovanni Pisano
• la Cattedrale, di stile gotico
• il Palazzo Comunale, anch’esso di origine medioevale; si distingue per il suo maestoso portale
• Chiesa di Sant’Angelo. Si tratta della chiesa più antica dell’Umbria in quanto risale al V secolo
Terni. Fondata dagli Umbri nel 672 a.C., la città sorge alla confluenza di due fiumi nella parte orientale di una pianura molto fertile. La città è importante per le acciaierie e a causa della sua importanza industriale, durante la Seconda Guerra Mondiale subi numerosissimi bombardamenti che le arrecarono dei danni gravissimi
Assisi sorge su di una prominenza del monte Subiaso, a 424 m., uno dei punti più suggestivi di tutta l’Umbria. Essendo il luogo natale di San Francesco d’Assisi, la città ed io suoi dintorni sono molto ricchi di testimonianze francescane come gli affreschi di Cimabue e di Giotto nella basilica inferiore e superiore. Fra le manifestazioni religiose e folkloristiche dobbiamo ricordare il Calendimaggio, l’Ascensione e la Festa del Voto, quest’ultima celebrata in onore di Santa Chiara.
Gubbio è una graziosa cittadina collocata a 529 m. sul livello del mare che conserva ancora il suo aspetto medioevale. Le sue origini sono molto antiche come testimoniano le tavole eugubine
Spoleto costruita su di un poggio domina una fertile vallata. Anch’essa di origini molto antiche, fece parte del dominio romano e come altre città umbre dovette subire le invasioni barbariche. Sotto il dominio longobardo diventò ducato e come tale sopravvisse fino all’invasione dei Franchi. Al tempo di Federico Barbarossa, la città cercò di resistere all’imperatore ma fu rasa al suolo. Oggi Spoleto è rinomata per il Festival dei due mondi
Cascia sorge in prossimità del fiume Corno, a 663 m. sul livello del mare. Nel 1703, un terribile terremoto la distrusse quasi totalmente, causando molte vittime. La città fu allora abbandonata dalle famiglie più ricche per cui oggi è ridotta ad un piccolo borgo. Cascia è la città natale di Santa Rita.
Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Correlati Umbria
Registrati via email