Genius 19188 punti

Turchia: aspetti fisici

Orografia

La Turchia è come se volgesse le spalle all’Asia e la faccia all’Europa. Infatti, dal punto di vista fisico, essa è composta da un vasto altopiano. Quello orientale, corrispondente all’Armenia, è composto da un susseguirsi di alte montagne disposte in modo disordinato e dominate da coni di vulcani spenti; al confine con la Persia, troviamo il monte Ararat, alto 5165 metri la cui ultima eruzione risale al 184. Verso ovest, la penisola dell’ Anatolia, bagnata da tre mari (Mare Mediterraneo, Mar di Marmara e Mar Nero, mostra un esteso altopiano che termina a nord in corrispondenza del mar Nero e a sud con il Mar di levante con aspre catene montuose che costituiscono una barriera fra la parte interna ed il litorale. Invece, all’estremo ovest, in corrispondenza con il mar Egeo, l’altopiano sui abbassa e si apre in ampie vallate che permettono una più facile penetrazione verso l’interno. La parte centrale dell’altopiano si eleva ad un’altitudine fra 800 e 1000 metri; a nord, vicino al confine con la Russia i Monti Pentici sono costituiti da un fascio di catene che si innalzano fino a 3000 metri e che hanno un andamento parallelo alla costa. A sud, l’altopiano anatolico è composto da alcuni fasci di catene, chiamati Monti Tauro; queste catene sono più elevate di quelle settentrionali, ma più distanziate fra di loro, in modo che così risultano più agevoli i passi che danno accesso alle regioni litoranee.
[h32]Fiumi e laghi[/h2]
Sull’altopiano anatolico il clima è continentale, con inverni lunghi e freddi ed estate calde ed aride. Pertanto le piogge sono scarse perché gli alti rilievi frenano i venti umidi provenienti dal mare e questo rende i fiumi poveri d’acqua ed accentua la salinità dei laghi. Poiché le catene montuose si susseguono, specialmente verso i margini dell’altopiano, i fiumi sono costretti ad avere un andamento tortuoso, a volte fra strette gole. La maggior parte dei fiumi sfocia nel Mar Nero. Anche i fiumi che sfociano nel Mare Egeo hanno un andamento sinuoso: fra questi è da ricordare il fiume Meandro che ha dato il nome alle anse descritte dai fiumi. Il vasto altopiano degrada versoi la parte centrale, dando luogo ad ampie conche occupate frequentemente da laghi dalle acque salate. Nell’Anatolia troviamo il grande Lago Tuz che ha un’estensione che supera 1600 metri quadrati ed una profondità di appena un metro. Per questo motivo le sue acque raggiungono un’eccezionale salinità del 32%.

Coste

Le coste bagnate dal Mar di levante e dal Mar nero sono dritte e alte; essendo prive di insenature non dispongono di grandi porti. Diversa è invece la situazione delle coste che si affacciano sul Mare Egeo, che ricordano quelle della Grecia. Qui la costa è molto articolata e frastagliata. Le insenature sono numerose ed accompagnate da piccole isole. Il porto più importante è Smirne.
Sul Mar di Marmara, le coste del Bosforo hanno un aspetto verde e lussureggiante.
Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email