Sapiens Sapiens 13858 punti

Toscana: economia


La mappa dell’economia toscana è articolata, in ordine d’importanza, nei seguenti settori: servizi, industria, agricoltura. Ovunque è preponderante il terziario anche se l’attività industriale si sta sempre più affermando e l’agricoltura continua ad occupare un posto di rilievo.
I principali prodotti agricoli sono: i cereali l’olio, il vino (conosciuti e apprezzati sono il Chianti e il Brunello di Montalcino), gli ortaggi e la frutta. Caratteristici della regioni sono anche gli impianti vivaistici molto diffusi nella provincia di Pistoia. Rilevante è la produzione di castagne e di funghi mentre la pesca e l’allevamento hanno un’importanza minore.
Dal sottosuolo si estraggono la lignite, il marmo (conosciuto è quello di Carrara), marne da cemento, salgemma, piriti. Il marmo bianco di Carrara è assai prezioso e ricercato e deve la sua reputazione all’uso che ne ha fatto Michelangelo per scolpire le sue opere d’arte. Pregiato è anche l’alabastro di Volterra. Un tempo era fiorente l’estrazione del mercurio, sul Monte Amiata e dei minerali di Ferro (isola d’Elba), miniere, però, ormai esaurite. La Toscana possiede anche una fonte di energia geotermica di rilevante importanza: i soffioni boraciferi di Larderello (Pisa) da cui si ricava il borace ed una grande quantità di vapore naturale utilizzata per alimentare le centrali elettriche.
L’industria pesante è concentrata in gran parte lungo la fascia costiera della provincia di Livorno in quanto ricorre al petrolio importato dallo scalo portuale della città labronica (= Livorno). L’industria di trasformazione è concentrata nella zona ai piedi dell’Appennino; interessa piccole e medie industrie di vario tipo: metallurgiche, meccaniche, alimentari, conciarie, calzaturiere, di abbigliamento, del mobilio, cartarie e di materiale da costruzione.
In continua espansione è il turismo che ha i suoi centri d’interesse in alcune fra le più importanti città storico-artistiche d’ Italia: Firenze, Siena, Pisa, Lucca, San Gimignano, Volterra, Pienza. Assai sviluppato è anche l’agriturismo ed il turismo invernale (Abetone, in provincia di Pistoia) Fra le stazioni termali è doveroso ricordare Montecatini Terme e Chianciano Terme, mentre fra quelle balneari spiccano Forte dei Marmi e Viareggio in Versilia e l’isola d’Elba.
Le vie di comunicazione, stradali, ferroviarie e autostradali, mettono in comunicazione facilmente la regione sia con l’Italia settentrionale sia con quella meridionale ed insulare
In particolare, la Toscana è percorsa dall’Autostrada del Sole, che, attraverso la Firenze - Pisa, si congiunge con l’autostrada costiera Genova - Livorno), e dalle due principali linee ferroviarie tra il Nord e il Centro, cioè la Torino-Genova-Pisa-Roma e la Milano-Bologna-Firenze-Roma.
Livorno è uno dei più equipaggiati porti del mar Tirreno, mentre Firenze-Peretola e Pisa-San Giusto sono attivi i due aeroporti internazionali.
Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email