Il sistema politico mondiale

Gli Stati Uniti, essendo l'unica superpotenza politico-militare presente sulla scena mondiale dopo la fine dell'Unione Sovietica (1991), si considerano responsabili dell'ordine e della sicurezza del mondo e tendono a presentarsi come i difensori del diritto internazionale, dei valori e delle regole della democrazia.
Accanto agli Stati Uniti, ci sono anche altri Paesi che hanno una potenza economica, un potenziale militare e un prestigio politico superiori a quello della stragrande maggioranza degli altri Stati del mondo. Essi si possono così schematicamente presentare:
- i paesi economicamente più sviluppati, cioè quelli dell'Unione Europea e il Giappone;
- la Russia, che rimane, anche dopo il crollo dell'URSS, una notevole potenza militare ed economica, nonostante forti disuguaglianze sociali al suo interno;

- la Cina, paese caratterizzato dalla contraddizione fra il potere autoritario del Partito comunista e un accelerato processo di crescita economica;
- un grande paese emergente come l'India, in cui crescita economica e ricerca tecnologica coesistono con la permanenza di forti disparità sociali;
- il Brasile e, in misura minore, il Cile, che rendono l'idea di un'America Latina in cammino per uscire dal sottosviluppo;
- alcuni paesi di notevole forza economica come Taiwan e Corea del Sud;
- alcuni paesi dell'area Arabo-Islamica che manifestano un'aperta contestazione nei riguardi della superpotenza americana e dell'Occidente, di cui l'Iran è il principale protagonista.

Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email