Ominide 11266 punti

Repubblica d’Irlanda – Economia


Agricoltura: Le attività agricole si sviluppano sul 13’5% circa della superficie nazionale e occupano il 15% della popolazione attiva. L’eccessiva umidità del clima, che concede solo poche giornate di pieno sole nel corso dell’anno, e l’arretratezza delle strutture produttive, frenano ancora lo sviluppo dell’agricoltura. Le colture più diffuse sono quelle dell’orzo, della barbabietola da zucchero, della patata, del frumento e della frutta.
Allevamento e pesca: quasi il 67% del suolo è destinato al pascolo e alimenta un notevole allevamento ovino e bovino, che rappresenta una voce importante per l’economia irlandese. Caratteristico è l’allevamento dei cavalli da tiro e da corsa. La pesca è nel complesso modesta a eccezione di quella dei crostacei e della pesca di lago.
Sottosuolo ed energia: il sottosuolo riserva discrete risorse. Le principali sono lo zinco e il piombo. Tra le fonti energetiche vanno ricordati il carbone, la torba, da cui si ricava circa 1/3 del fabbisogno energetico interno e l’energia idroelettrica ricavata dalle acque territoriali.
Industria: Il carattere fondamentalmente agricolo dell’economia irlandese ha considerevolmente rallentato, in passato, lo sviluppo del settore secondario. Attualmente l’industria si è assai sviluppata divenendo la voce più importante per l’economia nazionale. Nonostante cià l’Irlanda rimane uno dei Paesi meno industrializzati dell’Occidente europeo.
L’industria si concentra nelle aree di Dublino e di Cork, dove operano stabilmenti chimici, meccanici, tessili e della gomma. Il settore più consistente è tuttavia quello alimentare, noto per la produzione di birra e di Whisky, ma presente anche con zuccherifici, salumifici e aziende lattiero-casearie.
Terziario: La bellezza del paesaggio e la ricchezza di testimonianze storiche continuano a incrementare il movimento turistico, che ha un peso decisivo sulla bilancia economica irlandese. La maggior parte dei commerci è assorbita dal Regno Unito; consistenti sono anche gli scambi con gli Stati Uniti, la Francia, i Paesi Bassi e il Giappone.
Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
I Licei Scientifici migliori d'Italia secondo Eduscopio 2017