Sapiens 8028 punti

La pianta della città


Abbiamo già incontrato la parola pianta e abbiamo imparato che essa indica due cose distinte: il disegno che la città imprime sul territorio attraverso le sue strade, le ferrovie, gli edifici, le piazze e così via;un tipo di carta geografica utile per rappresentare la città.
Se consideriamo le piante urbane come disegno impresso dalla città sul territorio, troviamo piante ortogonali, circolari.

Le piante ortogonali

Contraddistinguono le città con strade incrociate ed angolo retto, Questo tipo di pianta è tra le più diffuse. La sua origine è molto antica. A
diffonderla nel mondo antico furono i romani che fondavano le loro città ispirandosi allo schema degli accampamenti militari: tracciavano prima due strade principali, denominate cardo e decumano; quindi tracciavano altre strade parallele alle prime due, sino a far prendere alla città la forma di una scacchiera. Tutte le città italiane di origine romana, come Lucca o Torino, conservano questa impronta nella pianta urbana. Ad esempio la pianta ortogonale di Lucca .

Le piante circolari

Contraddistinguono le città con strade a raggiera che si sviluppano a partire dal centro. Una serie di vie “ad anello” mette in comunicazione i vari “raggi”, sempre più distanziati gli uni dagli altri a mano e mano che si procede verso la periferia. Le piante di Milano e di Latina presentano in maniera evidente tali caratteristiche.
Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove