VIP 2446 punti

LE MONTAGNE ITALIANE

Circa un terzo del territorio italiano è occupato da montagne: le principali sono la catena delle Alpi e gli Appennini.
È italiano il versante interno delle Alpi, che si allunga da ovest verso est per circa 1300 km ed è composta da due sezioni principali: quella occidentale, fino al Lago Maggiore, è più stretta e con le cime più elevate (Monte Bianco, seconda vetta d’Europa dopo l’Elbrus, e Monte Rosa); quella orientale è più larga e le sue cime sono meno alte.
Al confine tra Veneto, Trentino-Alto Adige e Friuli-Venezia Giulia si innalzano le Dolomiti.
Ai piedi della sezione orientale delle Alpi si trovano rilievi più bassi: le Prealpi Lombarde, quelle Venete, Carniche, Giulie e il Carso.
Gli Appennini si snodano per circa 1300 km da nord-ovest a sud; il Gran Sasso è la cima più alta (2914 m).
Sono composti da una catena principale e da altre minori, come l’Antiappennino tirrenico e il Preappennino sul versante adriatico. La catena principale ha un andamento sinuoso: Liguria è molto vicina al mare,poi giù si sposta al centro della penisola. A partire dalla Basilicata e in Calabria si divide in vari rilievi e massicci isolati.

Nello Stretto di Messina,la catena si abbassa fin sotto il livello del mare e riemerge lungo la costa settentrionale della Sicilia, dove forma i Monti Peloritani e le Madonie. I rilievi più antichi si trovano invece in Sardegna: i principali sono il Gennargentu e il Supramonte.

Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email