Genius 20106 punti

Etiopia: orografia e idrografia


La struttura del suolo è articolata in tre zone ben distinte. Innanzitutto abbiamo una fossa, originata dall’assestamento della crosta terrestre durante il Miocene, cioè circa 30 milioni di anni fa. Abbiamo, poi, l’Altopiano Abissino in cui i fiumi, dal percorso tortuoso, hanno scavato delle gole profonde. Infine, si distingue l’Altopiano Somalo, verso sud e degradante verso l’Oceano Indiano dove i fiumi hanno un percorso rettilineo. Il suolo dell’Etiopia è un immenso acrocòro, cioè un altopiano assai elevato, molto accidentato, costituito da catene montuose, picchi isolati e profondi avvallamenti. L’Altopiano Somalo e l’Altopiano Abissino sono separati dalla fossa Galla che, partendo dal Lago Rodolfo, si dirige verso nord-est e si allarga sempre più fino a formare la vasta pianura della Dancalia. L’Altopiano Abissino è un vasto tavolato che si estende dalla fossa dei laghi Galla fino al confine con il Sudan; ha un’altezza media di 2.500 metri ed è costituito da valli profonde e strette con picchi molto alti che raggiungono i 5.000 metri. L’Altopiano Somalo, invece, si presenta più uniforme. Esso scende gradatamente verso il mare.
In Etiopia non esistono ghiacciai per cui i fiumi sono alimentato esclusivamente dalle acque piovane. Nell’altopiano Abissino, essi hanno un andamento tumultuoso ed hanno una grande forza erosiva, che creano imponenti gole. Sull’altopiano Somalo, la regolare inclinazione, permette ai fiumi di scorrere regolarmente, seguendo la linea di maggior pendenza com’è il caso del Giuba,e dello Uebio Scebeli.
I laghi sono numerosi e se ne trovano parecchi nella Fossa Galla e le loro acque sono molto pescose. Nella pianura della Dancalia, troviamo, invece, i laghi salati. I più grandi laghi sono il Lago Assalé che si trova a 116 metri sotto il livello del mare ed il lago Giulianetti, ad 80 metri. Il lago più grande è il Lago Rodolfo che, però solo in parete appartiene all’Etiopia.
Per quanto riguarda la flora e la fauna, in Etiopia vivono le specie vegetali ed animali comuni nella zona temperate ed in quella tropicale. Infatti, accanto alla cultura della vite, dell’orzo e dell’olivo, troviamo la coltivazione del caffè, una pianta che cresce spontaneamente. Che in Etiopia trova la sua patria di origine: infatti il termine “caffè” deriva dalla regione di Caffa.
Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email