Ominide 55 punti

Combustibili fossili

I combustibili fossili (o idrocarburi) derivano dalla trasformazione della sostanza organica in forme più stabili e ricche di carbonio.
Sono fonti energetiche non rinnovabili, poiché il processo di fossilizzazione della sostanza organica è molto lungo (milioni di anni) e la quantità che si fossilizza è minima rispetto al fabbisogno energetico dell'uomo.

Gli idrocarburi rappresentano oggi la principale fonte energetica dell'umanità, ma perché? In sostanza perché hanno un alto rapporto energia/volume, sono facilmente trasportabili e costano ancora relativamente poco.
La caratteristica di avere un basso costo e anche le innumerevoli speculazioni economiche hanno provocato il rallentamento dell'uso delle energie alternative.

I combustibili fossili hanno numerosi svantaggi da evidenziare, soprattutto quello di immettere nell'atmosfera una grande quantità di anidride carbonica che provoca a sua volta l'aumento dell'effetto serra.

Inoltre, non essendo fonti rinnovabili, il loro utilizzo ai ritmi attuali pregiudica la loro disponibilità per le generazioni future.
E' bene ricordare come il sistema energetico mondiale possa essere considerato "petroliocentrico" ovverosia basato sull'uso di petrolio e derivati.


Fanno parte dei combustibili fossili:
petrolio;
carbone;
gas naturale.

Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email