Ominide 11267 punti

Il Cenozoico: la nascita delle Alpi


Circa 65 milioni di anni fa ha inizio l’Era cenozoica o “Era della vita recente”, dominata dai Mammiferi, dagli Uccelli e dalle piante da fiore e frutto. Da forme di vita primitive si vanno lentamente differenziando numerose specie che si adattano a tutti gli ambienti del pianeta e alla dine di quel periodo la flora e la fauna sono praticamente simili a quelle attuali. Con il Cenozoico incomincia anche l’Ultima, imponente, fase orogenetica: l’orogenesi alpina. I continenti si muovono fin quasi a raggiungere le attuali posizioni sollevando alte catene montuose. L’Africa si avvicina all’Europa chiudendo definitivamente il grande Mare della Tetide e i sedimenti posti sul suo fondo, in corrispondenza dell’attuale Mediterraneo, vengono piegati, pressati e innalzati fino a oltre i 4000 metri di quota formando la catena alpina. L’India termina il suo viaggio di allontanamento dall’Africa saldandosi con l’Asia e sollevando l’immensa catena himalayana.
Le Americhe si allontanano dall’Europa e dall’Africa innalzando le alte catene che le orlano a occidente: le Montagne Rocciose e la Cordigliera delle Ande. In origine questi monti erano ovviamente molto più alti di oggi, perché l’erosione, nei milioni di anni successivi, ne ha ridotto di molto l’altezza. Come abbiamo già detto, questi movimenti non sono ancora terminati e la maggior parte dei vulcani e dei terremoti attuali hanno origine ancora dagli stessi spostamenti che milioni di anni fa provocarono la nascita delle montagne. Alla fine dell’Era cenozoica l’Europa si presenta abbastanza simile a come la vediamo oggi, ma le traversie del nostro continente non sono certo finite.
Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove