Ominide 16918 punti

Cecoslovacchia


Le popolazioni che risiedono entro i confini dell’odierna Cecoslovacchia, pur appartenendo tutte al medesimo ceppo slavo, ebbero in passato vicende storiche assai diverse. I Boemi, che ne costituiscono il nucleo più importante, diedero vita nel Medioevo e agli inizi dell’età moderna a un regno autonomo che conobbe periodi di splendore; la sua capitale, Praga, fu centro artistico, intellettuale e religioso che esercitò notevole influenza sulla civiltà dei secoli XV e XVI, specie nei paesi dell’Europa centro-orientale. Più tardi la Boemia, la Moravia e la Slovacchia, cioè le principali parti dell’attuale Cecoslovacchia, seguirono le sorti dell’impero asburgico, subendo la supremazia austriaca fino al 1918. In quell’anno il dissolvimento dell’impero austro-ungarico consentì alla Cecoslovacchia di ordinarsi a Stato indipendente. Nel 1938 però la Germania hitleriana, col pretesto di liberare le minoranze tedesche rimaste incluse entro i confini del nuovo Stato, invase la Cecoslovacchia smembrandone i territori e sottoponendo la Boemia a un pesante protettorato. Solo nel 1945, al termine della seconda guerra mondiale, la Cecoslovacchia potè riconquistare l’indipendenza e ricostituire la propria unità nella forma di una repubblica popolare socialista che ha operato profonde riforme nelle strutture economiche e sociali del paese. Praga: panorama della capitale dall’alto. Il fiume che si scorge in secondo piano è la Moldava, che taglia in due la città.
Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email