Ominide 943 punti

LE CATASTROFI NATURALI

Le catastrofi naturali provocano danni alle persone, che possono venire uccise o ferite o perdere familiari ed amici.
Le grandi catastrofi distruggono anche beni di ogni tipo ed infrastrutture (servizi pubblici e tutto ciò che serve per la vita): case, edifici, ferrovie, ponti, strade, acquedotti, ospedali possono essere travolti. Questo può creare gravissimi problemi dopo la catastrofe: se ad esempio il sistema di distribuzione dell'acqua potabile è stato distrutto, la popolazione dell'area si trova senza l'acqua necessaria.
Molto spesso i danni non sono provocati soltanto dal fenomeno naturale, ma da altri elementi che ne sono la conseguenza: ad esempio durante il terribile terremoto di Kobe (Giappone, 1995), che fece oltre 5.000 vittime, molte morti e gravissimi danni, furono causati dagli incendi che si sprigionarono in seguito al terremoto. La gravita dei danni dipende da diversi elementi. In primo luogo la violenza del fenomeno: un piccolo terremoto può essere appena avvertito; un terremoto molto forte può radere al suolo Paesi e città.

In secondo luogo la catastrofe naturale è tanto più distruttiva quanto più densamente popolata è la regione colpita: un'eruzione vulcanica violenta in un'area spopolata di solito non provoca vittime e non fa danni ad opere umane; se il vulcano si trova vicino ad una città, essa può essere distrutta dall'eruzione, come avvenne nell'età antica a Pompei ed Ercolano, sepolte dall'eruzione del Vesuvio.
Il numero di vittime dipende anche dalla rapidità degli interventi di soccorso: ladddove le squadre di soccorso non riescono ad intervenire subito per un qualunque motivo, persone ferite o imprigionate (ad esempio in edifici crollati) rischiano di morire. I danni materiali dipendono anche dalla ricchezza dell'area colpita: un uragano negli Stati Uniti provoca di solito molte meno vittime rispetto ad un uragano nell'Asia sud-orientale, ma può avere un costo economico maggiore, perché si tratta di uno Stato molto ricco, in cui vengono distrutti molti beni.
Infine i danni sono maggiori se non sono state adottate misure di prevenzione: quando un uragano colpì New Orleans nel 2005, le vittime sarebbero state molte di più se la popolazione non fosse stata avvertita e non si fosse provveduto all'evacuazione (allontanamento della popolazione) della città; l'uragano però fece ugualmente diverse vittime e soprattutto provocò molti danni, perché non erano state realizzate le opere di difesa della città (in questo caso argini adeguati per evitare lo straripamento di un lago).

Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità