Ominide 16911 punti

Valle d’Aosta: Agricoltura, allevamento, industrie

L’agricoltura valdostana, data la natura del suolo e la prevalente rigidezza del clima, non può essere molto prospera e richiede comunque non poche fatiche; essa produce modesti quantitativi di segala (la segala è un cereale che può crescere anche in climi relativamente freddi: è abbastanza diffusa sulle nostre montagne), di patate e di uva. Più praticato è l’allevamento: d’estate gli alti pascoli di montagna sono ampiamente sfruttati da mandrie di bovini, il cui latte viene impiegato in larga misura nella produzione della rinomatissima fontina. Sviluppata è anche l’attività industriale, che attinge alle poderose riserve d’acqua della regione. Numerose sono, infatti, le centrali idroelettriche disseminate nella valle principale e nelle laterali; esse producono la maggior parte della forza motrice di cui si servono le industrie di fibre tessili artificiali di Chatillon e gli stabilimenti siderurgici di Aosta, che lavorano il ferro estratto dalle miniere di Cogne. Anche le miniere di antracite di La Thuile concorrono all’incremento industriale della zona. La Valle, però, trae i suoi maggiori proventi dall’industra turistica, avvantaggiata dalle impareggiabili bellezze naturali della regione. Alberghi, rifugi alpini e attrezzature di ogni genere abbondano in ogni località della Valle e vanno diventando di anno in anno sempre più numerosi e perfezionati.
Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email