VIP 2446 punti

INSEDIAMENTI IN AFRICA : LA DISTRIBUZIONE, I VILLAGGI, LE CITTA’

La distribuzione

Oggi l’Africa ha una densità di popolazione media si 33 abitanti per chilometro quadrato. Questo dato però può variare notevolmente, poiché gran parte del continente presenta ambienti poco favorevoli a un popolamento fitto: le aree desertiche, come il Sahara e il Kalahari, sono praticamente disabitate, le regioni a savana e quelle forestali presentano densità basse o molto basse.
Fino a prima della colonizzazione europea, la maggior parte della popolazione africana viveva lontano dalle coste, preferendo le zone a savana dov’era possibile praticare la coltivazione dei cereali.
In genere i centri urbani erano quelli fondati dai commercianti arabi ed erano situati lungo le vie carovaniere e i fiumi navigabili,come il Niger,lungo il quale sorgevano Gao, Timbouctou, Djenné; le uniche grandi città costiere erano quelle nate,sempre grazie ai commerci arabi,lungo le coste affacciate sull’Oceano Indiano e sul Mediterraneo. In seguito i commerci coloniali hanno fatto nascere o sviluppare numerosi insediamenti costieri.

Oggi l’aree più densamente popolate sono il Maghreb, ovvero la costa nord-occidentale affacciata sul Mediterraneo e la valle del Nilo, le coste del Golfo di Guinea, gli altipiani dell’Africa orientale, le regioni minerarie dell’Africa centrale e le aree industriali del Sudafrica.
La popolazione urbana continua ad aumentare. I ritmi di urbanizzazione sono molto diversi: in Paesi come il Congo, il Sudafrica e il Botswana per esempio, oltre il 60% della popolazione vive già nelle aree urbane, mentre in altri, come il Burundi, il Malawi e l’Etiopia, la quota di popolazione urbana è ancora inferiore al 20%.

I villaggi

Nonostante la forte tendenza all’urbanizzazione, oggi la principale forma di insediamento resta ancora quella del villaggio. Data la grande varietà ambientale e culturale che caratterizza il continente, anche i villaggi possono essere molto diversi: da quelli temporanei dei popoli nomadi o seminomadi, costituiti da tende o capanne facilmente smontabili e trasportabili, a quelli stabili degli agricoltori delle savane,nei quali accanto alle capanne sorgono altri edifici tra cui soprattutto i granai.

Le città

Le più importanti metropoli africane sono in genere le capitali e i centri coloniali, sorti soprattutto lungo le coste. Le due città più popolose sono Il Cairo (Egitto) che ha un agglomerato urbano con oltre 11 milioni di abitanti.
A parte quelle fondate dagli Arabi e quelle sudafricane, nelle quali è più forte il carattere occidentale, le città africane non hanno un’identità molto precisa. Sono centri urbani disordinati, spesso caratterizzati da quartieri distinti per i diversi gruppi etnici, e da una grande estensione degli slum,dove vive gran parte degli abitanti: nel 2010 il 70% dei residenti urbani dell’Africa subsahariana risiedeva in quartieri di baracche.

Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità