Video appunto: Geografia - rami della geografia
La geografia è una disciplina che non si occupa solo dello studio del paesaggio, come erroneamente si crede talvolta, ma anche delle città e degli altri modelli di insediamento. Si occupa ad esempio di studiare in quale periodo nascono le prime città e quando si diffonde il modello urbano; perché ha fortuna e si diffonde questo modello insediativo: perché in quella regione e non altrove; a quali esigenze delle comunità umane esso risponde.
Per affrontare questo nuovo tipo di studio i geografi hanno adottato, fin dalla metà del XX secolo, strumenti e metodi. d'indagine multidisciplinari. Oltre che da discipline prossime alla geografia. quali la geologia (che studia la crosta terrestre), la geodesia (che studia la forma e le dimensioni della Terra), la botanica e la zoologia (che si concentrano sugli esseri viventi, rispettivamente vegetali e animali), i geografi hanno attinto dalla storia dell'umanità, dall'antropologia (che studia le comunità umane e le loro culture) e dalla statistica (che misura e studia quantitativamente i fenomeni, descrivendoli in grafici).

Inoltre, sono aumentati i campi d'indagine. Insieme alla geografia fisica, dedicata alla morfologia (forma) della superficie terrestre o al clima sono nate: la geografia umana (o antropica), che si occupa del rapporto uomo-ambiente nel tempo e delle sue implicazioni: la geografia economica, che sì concentra sulla localizzazione e la struttura delle attività produttive; la geografia politica. che indaga l'organizzazione politica e amministrativa di un territorio; la geopolitica, che si occupa delle conseguenze che la collocazione geografica di uno di uno Stato ha sulle vicende politiche che lo coinvolgono. La geografia, come scienza moderna, è divenuta così uno strumento di interpretazione della realtà.