pexolo di pexolo
Ominide 6522 punti

Definizione è quell’enunciato che spiega l’oggetto in esame. Secondo Spinoza, vanno distinte definizioni meramente nominali, semplici spiegazioni dei termini, dette definizioni semplici, da quelle che contengono indicazioni delle cause della realtà di ciò che viene definito, dette definizioni perfette. Definire significa fornire un concetto che contiene tutto ciò che è necessario a comprendere la causa di ciò che è, oltre che la cosa stessa; deve perciò essere un’idea completa, esaustiva, totalizzante, che contenga implicitamente in sé tutte le cose.
Il problema di Spinoza sta, anzitutto nel ricercare alcune definizioni che non siano semplicemente nominali, ma causali, cioè che contengano implicitamente la spiegazione (la causa) di ciò che si vuol definire.
Partendo da queste definizioni si ottengono, come in matematica, talune proposizioni e dimostrazioni; quest’ultime sono concatenazioni rigorose che conducono, attraverso una serie di passaggi, da certi assiomi a necessarie conclusioni.

1 La prima definizione posta da Spinoza è quella di causa sui, intendendo ciò la cui essenza implica l’esistenza, definizione che già nella tradizione scolastica ed in Cartesio (su cui basava l’argomento ontologico) indicava Dio, quella realtà che è causa di se stesso, appunto causa sui e natura naturante, in quanto Dio e gli attributi sono considerati come causa.
2 La seconda definizione concerne tutto ciò che non è Dio, ovvero le realtà finite, finite in quanto limitate da qualcosa dello stesso genere.

Ma una realtà finita è tale perché non è determinata e definita da se stessa, bensì da qualcos’altro dello stesso genere. La realtà è, in tal modo, qualcosa che ha bisogno di una causa e si deve necessariamente riferire a qualcosa che è causa di se stesso; il punto di partenza è originale rispetto a Cartesio dal momento che Spinoza parte col pensare l’assoluto (sciolto dal resto, che non ha bisogno di altro per esistere), o meglio con un pensiero che pensa l’assoluto, cioè quel concetto che non dipende da altri concetti e per questo valido: quindi quello di Spinoza è un pensiero che parte da Dio, o almeno da quel concetto di causa incausata che la tradizione scolastica chiamava Dio. Proprio per questo, secondo Hegel, Spinoza è il vero filosofo della modernità perché ci ha spiegato che per pensare filosoficamente bisogna partire dall’Assoluto.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email