La Scuola del sospetto è una espressione coniata da Paul Ricoeur per sottolineare la vicinanza tra gli approcci filosofici di Marx, Nietzsche e Freud.
In realtà, potrebbe rientrare a pieno titolo in questa definizione anche Schopenhauer, il quale definisce la realtà celata da un illusorio velo di Maya che il filosofo ha il dovere di s-coprire. In effetti, partono dallo stesso presupposto gli altri filosofi, sebbene in ambiti differenti. Marx, come Feuerbach, ribalta l'idealismo di Hegel, il quale parte dall'astratto per arrivare al concreto, ma ciò sarebbe un cammino alla rovescia e non condurrebbe mai alla realtà. In più, non è lo Stato, così come teorizzato da Hegel, che contiene la società civile, ma è la società civile a formare lo Stato e per questa ragione è lo Stato a dover fare gli interessi di ogni cittadino, garantendone l'uguaglianza.
Marx crede che l'unico modo per arrivare a questo modello di società sia eliminare le disuguaglianze, che si creano con la proprietà privata, così come spiegato nella sua critica al capitalismo, con il quale il lavoratore è alienato dal prodotto che crea con il suo lavoro, che è forzato perché l'uomo è strumento di fini estranei alla sua vita (il profitto del capitalista) e si sente de-umanizzato. Nietzsche, con il suo metodo genealogico, distrugge "con il martello" ogni certezza, ogni verità, ogni tradizione, ogni dogma, per creare una nuova umanità, fatta di oltre-uomini, amanti della vita. Nietzsche critica la coscienza definendola non "la voce di Dio nel petto dell'uomo", ma "l'istinto del gregge nel singolo"; riconosce la "morte" di Dio con la distruzione del "mondo vero" platonico: Dio, infatti, significa odiare la vita e l'al-di-qua credendo alle menzogne dell'aldilà; riconosce come la prima menzogna, dalla quale si sono diramate le altre menzogne millenarie, proprio il concetto di "Io".

Freud, invece, con il suo metodo psicoanalitico, apre le porte di un nuovo mondo, quello dell'inconscio, distruggendo le certezze del passato e sconvolgendo la visione dell'uomo stesso, adesso percepito come un insieme di cassetti da aprire e da esplorare, proprio attraverso la psicoanalisi.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email