Mongo95 di Mongo95
Ominide 6474 punti

Il rapporto polemico con Hegel


Come filosofo immediatamente successivo al complesso e rilevantissimo movimento di pensiero dell'Idealismo tedesco, il rapporto con Hegel, dal punto di vista di Schopenhauer, è estremamente polemico e di continuo scontro teorico, ma non solo. Ma al di là di tutto ciò, Schopenhauer ha indubbiamente piena consapevolezza del rilievo della propria prospettiva teoretica, non solo come negativo necessario rispetto ad una teoria a lui precedente, come conferma un passaggio cruciale del Mondo come volontà e rappresentazione, quasi passa inosservato, ma chiave ermeneutica per comprendere tutto il pensiero del filosofo. Fondamentale è l’immagine metaforica del castello, fuori e dentro di esso. Chi vi rimane fuori e non riesce ad entrarci, magari producendo schizzi raffinatissimi. Schopenhauer ritiene di essere il primo ad essere riuscito ad entrarci. Poche parole che forniscono in pieno la portata di un intero progetto filosofico. La pienamente consapevole carica dirompente di questo concetto. Tutti i filosofi precedenti non sono riusciti ad “entrare nel castello”, mentre ora Schopenhauer sì. Ciò non significa che voglia auto-qualificarsi per tale motivo come outsider della filosofia, perché pur nella prospettiva del suo superamento, Schopenhauer ritiene di essere un fedele allievo di Kant.
Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Calendario Scolastico 2017/2018: date, esami, vacanze