Ominide 902 punti
Questo appunto contiene un allegato
Rousseau, Jean Jacques - Vita ed opere scaricato 44 volte

ROUSSEAU
Nasce a Ginevra nel 1712 e muore vicino a Parigi nel 1778; partecipa alla stesura dell’enciclopedia e scrive un testo politico intitolato “Il contratto sociale”. Non può essere considerato solo un illuminista poiché anticipa correnti filosofiche tipiche del romanticismo. Nel corso della sua filosofia esamina il sentimento e le passioni dell’ uomo → non è costituito solamente . dalla ragione.

Rousseau si differenzia dagli illuministi per quanto riguarda il concetto di PROGRESSO

il progresso coincide con la perfezione morale e con il . miglioramento sociale e morale dell’ individuo che il progresso consiste nel miglioramento delle caratterizza la storia dell’umanità. delle condizioni di vita; questo non porta l’uomo alla felicità, questo perché Rousseau ha una visione negativa della società, ritiene infatti che corrompa l’uomo e lo allontani dalla sua bontà naturale→ secondo il filosofo l’uomo è buono per natura.

“L’uomo è nato libero, ma ovunque è in catene “
Secondo il filosofo l’uomo è nato buono per natura, ma quando si inserisce nella società la sua bontà viene corrotta e l’ uomo perde la sua felicità; Rousseau ha quindi una concezione positiva della natura umana e negativa della società.
Rousseau è considerato il teorico della democrazia; ritiene, infatti, che la lo Stato ideale sia quello democratico, poiché esalta la libertà dell’individuo.

Diritto inalienabile degli individui che non può essere sottratta da nessun rappresentante o organo politico (Locke)

Concetto di popolo
Rousseau definisce il popolo come:
• un’associazione di individui che danno origine a una realtà collettiva, che condividono regole, obiettivi e valori (principi della rivoluzione francese);
• Un’entità unitaria che ha una propria volontà e una propria individualità;
• Il depositario del potere dello Stato.


Il popolo secondo il filosofo esprime la VOLONTA’ GENERALE (simile al concetto odierno di cultura)

il modo di sentire e volere dei cittadini che stabiliscono l’identità e la fisionomia di un popolo

Caratteri fondamentali dello Stato democratico
1) lo Stato deve essere una DEMOCRAZIA DIRETTA, in cui il popolo detiene il potere legislativo e può decidere di demandare ad alcuni funzionari il potere esecutivo; Rousseau non prende in considerazione gli altri poteri;

2) il POTERE è INDIVISIBILE; secondo il filosofo lo Stato può essere paragonato a un organismo vivente, per cui suddividere il potere equivarrebbe a smembrare le diverse parti costitutive di questo organismo;

3) lo Stato deve essere costituito sul modelle delle CITTA’- STATO, solamente attraverso questo tipo di modello i cittadini possono partecipare direttamente alla politica.

La proprietà privata
Questo concetto viene approfondito nel “Discorso sull’origine della disuguaglianza” (1755); il testo inizia con una profonda analisi della società che viene valutata in maniera negativa poiché non migliora l’individuo, ma lo peggiora facendo emergere l’istinto dell’uomo di prevalere sugli altri.

Secondo Rousseau con la nascita della società si è affermata anche la SUDDIVISIONE DEL LAVORO
conseguenze:
1. stratificazione sociale a seconda del lavoro;

2. ricerca possessiva del profitto da parte di tutte le classi;

3. disuguaglianza all’interno della società→ per Rousseau la storia non è stata un processo di . miglioramento delle condizione dell’ uomo, ma dal . punto di vista morale è stato un processo di . degradazione;

4. POPRIETA’ PRIVATA, non è un diritto naturale, poiché i diritti naturali sono tutti quelli che implicano un’equa distribuzione delle ricchezze→ per questo motivo viene giudicata in . maniera negativa.

La soluzione consiste nell’arginare il potere, il denaro e la ricchezza.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove