Ominide 477 punti

Leibniz


Alle origini della nozione di monade


Che cos’è per Leibniz la sostanza? Quali critiche rivolge a Cartesio e a Spinoza?


Per Leibniz la sostanza, o monade, è una sostanza che evidenzia l’individualità dei singoli individui. Leibniz critica la loro definizione di sostanza poiché escludeva ogni tipo di individualità, perdendo così il senso del mondo.

Che rapporto c’è tra Dio e l’universo?


Dio, l’essere perfetto, ha agito nel modo più perfetto, facendo tutto per il meglio. La convinzione che vi sia un ordine nell’universo si basa sulla fiducia in Dio.

Perché tutto ciò che esiste deve essere razionale?


Tutto ciò che esiste deve essere razionale poiché è stato creato da Dio che, in quanto essere perfetto, ha creato il migliore dei mondi possibili.

Qual è la differenza tra verità di ragione e verità di fatto?


La verità di ragione è accertabile mediante l’analisi del concetto e il contrario di essa non è possibile. È spiegata tramite il principio di non contraddizione. Le verità di fatto, al contrario, sono contingenti, ovvero se ne può pensare il contrario senza cadere in contraddizione e possono essere accertate solo tramite l’esperienza (soltanto sul piano logico, su quello della realtà le verità di fatto tendono a diventare verità di ragione poiché per Leibniz gli attributi della monade non sono i predicati, ma anche ciò che essa fa o ad essa accade, e Dio ha creato il mondo basandosi sulla regola dell’ottimo, ovvero di tutti i mondi possibili lui ha creato quello migliore).

Che cos’è il principio di ragion sufficiente? Che relazione ha con le caratteristiche della sostanza individuale?/h2]
Il principio di ragion sufficiente, su cui sono fondate le verità di fatto, è il principio secondo il quale ogni cosa che accade ha una ragione che spiega sufficientemente perché quella cosa è accaduta in quel modo e non in un altro. Essa esalta l’individualità di ogni essere: essendo in rapporto con gli altri, estende su di essi la propria influenza, determinandone, anche se in una parte infinitesimale, il destino. Ogni azione del singolo, quindi, ha portata universale.

[h2]Quali aspetti della fisica concorrono alla definizione di sostanza individuale? E quali aspetti della biologia? Quali caratteristiche della sostanza ne risultano?


Leibniz nega l’esistenza della materia, poiché se esistesse sarebbe estensione e la monade sarebbe così divisibile all’infinito. Per Leibniz la sostanza elementare è energia mentre ciò che ci appare, che erroneamente chiamiamo materia, sono soltanto fenomeni che spesso sono diversi dalla realtà (arcobaleno). Grazie alle nuove scoperte in campo biologico Leibniz può sostenere l’immortalità delle monadi, facendo propria la teoria della preformazione (la conformazione di un organismo e le sue varie parti sono già presenti nell’uovo o nel seme), e l’infinità delle sostanze viventi con le scoperte al microscopio.

La monadologia leibniziana


Quali sono le caratteristiche principali della monade?


La monade p immateriale, inestesa, semplice, non può nascere né morire se non per intervento di Dio. Comprendendo in sé tutti i propri predicati, non può essere influenzata dalle altre. Il mondo, creato da Dio, è razionale nell’insieme e in ogni sua parte. Le sostanze sono individuali e ognuna contiene in sé tutte le ragioni sufficienti che ne spiegano ogni predicato. Ogni sostanza è influenzata da tutte le altre e la sua azione si estende su tutto l’universo.

In che senso la monade non ha finestre?


Poiché il soggetto contiene in sé tutti i suoi predicati, quindi possiede fin dall’inizio le proprie determinazione che poi si manifestano nel tempo (nel concetto di Cesare c’era già scritto l’attraversamento del Rubicone), la monade semplicemente sviluppa queste determinazione, senza che nulla di esterno possa aggiungersi.

Che rapporto c’è tra percezione e appercezione? Quali dinamiche della monade sono spiegate da questo rapporto?


L’unico mutamento possibile della monade è un mutamento interno, riferito alla vita psichica della monade stessa, poiché nessun evento esterno interferisce con essa. Questo mutamento, chiamato appetizione, permette di passare dalla percezione, una conoscenza, in misura maggiore o minore, inconscia dell’universo, all’appercezione, l’autocoscienza e la consapevolezza di essere un soggetto rappresentante e di una parte più o meno vasta dell’universo (solo Dio conosce l’universo nella sua totalità). Ciò consente a Leibniz di spiegare il cambiamento delle monadi senza fare riferimento a stati fisici.

In che senso Leibniz parla di una gerarchia delle monadi?


Esiste una gerarchia delle monadi basata sul grado di appercezione che esse possono raggiungere, e ciò indica la loro diversità. Inoltre esiste una gerarchia che abbraccia l’intero universo, andando dalle monadi in cui c’è un’appercezione massima e una percezione minima (Dio, monade suprema) a quelle in cui sussistono solo percezioni inconsce (materia). In mezzo esiste una gradualità infinita di monadi, poiché per il principio dell’identità degli indiscernibili (se due cose hanno in comune tutte le proprietà, allora sono una cosa sola), non esistono due monadi uguali, in quanto se ne esistessero due identiche non vi sarebbe una ragion sufficiente per la loro esistenza (nessuna differenza tale da motivare la loro creazione da parte di Dio).

L’esistenza di Dio e l’armonia prestabilita


Che cos’è la Teodicea e quali problemi affronta?


La Teodicea è un’opera di Leibniz in cui egli affronta il problema del male e della libertà dell’uomo.

Come viene spiegato il problema del male?


Leibniz spiega che, nonostante quello attuale sia il migliore dei mondi possibili, secondo alla regola dell’ottimo, in esso c’è il male, pur non ammettendo la materia, il principio che è causa del male. Egli suddivide tra male metafisico, derivante dalla necessaria imperfezione delle creature, male fisico, dolore, e male morale, peccato. I male è permesso da Dio in questo mondo poiché in ogni altro sarebbe stato maggiore che nell’attuale (male fisico è un ammonimento morale o migliora chi soffre).

Come concilia il problema di Dio e del peccato?


Leibniz sostiene che se Dio impedisse il peccato, verrebbe meno la libertà umana, cancellando così il bene e la responsabilità morale. Così Leibniz inserisce la questione nel contesto del bene complessivo del mondo, facendo della colpa del singolo la ragione di un bene più grande per tutti.

Si può parlare di libertà a proposito del comportamento umano?


Leibniz, per conciliare la libertà umana con il concetto completo di monade, distingue tra ciò che è necessario (non potrebbe essere altrimenti senza contraddizione logica) e ciò che è certo (è così, ma potrebbe essere il contrario senza contraddizione). Si può parlare di libertà poiché egli dimostra che ciò che avviene nella monade è stabilito, ma non necessario: la scelta è individuale, ma Dio sa già quale sarà.

La polemica con l’empirismo e la teoria della conoscenza


Quali sono le critiche di Leibniz all’empirismo?


Leibniz è un’innatista, poiché secondo lui molti principi, quali quelli della matematica o della logica, sono validi in ogni tempo e in ogni luogo.

Che cos’è l’innatismo virtuale? In che senso l’intelletto è innato?


Secondo Leibniz le verità universali sono in noi fin dalla nascita, ma come percezioni, quindi inconsce. Esse diventano appercezioni grazie all’esperienza. Infatti, secondo la teoria dell’innatismo virtuale, l’intelletto alla nascita non ha conoscenze attuali, ma possiede potenzialità che l’esperienza porterà alla luce (blocco di marmo che ha le venature che delineano la figura della statua, e che lo scultore porterà alla luce eliminando il marmo superfluo. L’intelletto è innato poiché tutto ciò che si trova nell’anima deriva dai sensi, escludendo, però, l’anima stessa e le sue attività (Aristotele). Essa contiene nozioni che i sensi non possono fornire come l’essere, la sostanza, l’uno, l’identico…

Che cosa sono le piccole percezioni?


Le piccole percezioni sono infinite percezioni che in ogni istante sono in noi, ma di cui noi non abbiamo coscienza, in quanto o diventano un’abitudine e non le notiamo più, o perché sono troppo piccole per cogliere individualmente, essendo consapevoli solo dell’effetto dell’insieme. Con queste Leibniz controbatte all’obiezione di Locke sull’innatismo.

Le piccole percezioni riguardano soltanto la conoscenza o anche l’ambito morale?


Esse riguardano anche l’ambito morale poiché la volontà è la risultante finale di una serie di piccole percezioni, che sono andate modificando la nostra anima sino a farla inclinare verso il comportamento prodotto. Le scelte morali sono quindi determinate da una dinamica interna di piccole percezioni, inconscia, che si manifesta determinando il comportamento. Ciò porta alla conclusione che noi operiamo scelte morali in base a principi di cui non siamo consapevoli perché agiscono in noi in modo inconscio.
Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email