Gli stadi della vita

• Lo stadio estetico: Rappresentato dalla figura del Don Giovanni, che vuole vivere al di sopra delle banalità della vita, ma, la sua vita appunto, sarà piena di noia e disperazione, proprio perché non raggiunge mai l’appagamento. Non crede in nulla se on in se stesso.
• Lo stadio etico: Rappresentato dal matrimonio, che descrive un impegno continuativo e sacrificale che lo stadio estetico non contempla. Il matrimonio e fiducia, fedeltà e sacrificio.
• Lo stadio religioso: Se nello stadio etico il soggetto è sottomesso all’universale nello stadio religioso l’uomo è libero, poiché è un rapporto universale/universale. Questo stadio trascende quello etico, se l’etica volesse essere autosufficiente si definirebbe divina e sarebbe quindi pagana e atea.
La categoria del singolo
• “l’esistenza corrisponde alla realtà singolare, al Singolo: essa resta fuori, e in ogni modo coincide, con il concetto. Un uomo singolo non ha certo esistenza concettuale”

• La singolarità è irripetibile e irrimpiazzabile, la filosofia si occupa del concetto generale dell’uomo, ma la singolarità non è concetto
• Contro Hegel afferma che è impossibile parlare di assoluto se si dimentica la categoria dell’esistenza, cioè del singolo, quindi il sistema di Hegel è ridicolo perché poggia su una base inesistente
• Il singolo è “la categoria presso la quale deve passare il tempo, la storia, l’umanità”. Il singolo conta più della specie.
Possibilità, angoscia e disperazione
• Nella possibilità tutto è egualmente possibile, ma diventa anche rifugio per i miserabili che giustificano la loro vita di dolori.
• Differisce da Hegel tutto è necessario e razionale, invece per Kierkegaard tutto è possibile (et-et diventa out-out)
• La possibilità è molto più pesante della realtà poiché di dà delle responsabilità e ANGOSCIE
• L’angoscia forma, poiché smaschera nel nostro profondo tutti i pensieri gretti e finiti. Bisogna lasciarla entrare e conviverci per formarsi.
• La DISPERAZIONE è propria dell’uomo nel rapportarsi con se stesso.
• La disperazione è un eterno morire senza mai morire, che per essere eliminata si deve accettare di essere nelle mani di Dio da cui solo si può attingere l’acqua
• Credere in DIO solo e non più in se stessi, raggiungere il più alto grado di Noia per entrare nelle grazie di Dio.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità